MotoGP Indianapolis 2014: sette piloti alla conferenza stampa ufficiale. Crutchlow: "Separazione consensuale da Ducati"

Marquez, Rossi, Lorenzo, Dovizioso, Crutchlow, Aleix Espargarò e l'infortunato Nicky Hayden hanno aperto le danze del weekend di Indy, parlando anche di mercato piloti...

MotoGp of Spain - Previews

Sono stati ben sette i piloti della MotoGP che hanno partecipato alla rituale conferenza stampa ufficiale per il GP di Indianapolis (clicca qui per orari e copertura televisiva), conferenza che in pratica ha 'aperto le danze' per quanto riguarda l'ultimo appuntamento stagionale in terra americana del Motomondiale 2014.

Alla luce dell'annuncio del suo rinnovo biennale con Yamaha - divulgato ufficialmente in leggero anticipo sulla Press Conference - l''uomo del giorno' è stato ovviamente il maiorchino Jorge Lorenzo, che è stato accompagnato sul 'banco degli interrogati' dal Campione del Mondo Marc Marquez, dal compagno di colori (per almeno altri due anni) Valentino Rossi, dal Ducatista Andrea Dovizioso (anche lui fresco di recente prolungamento biennale), dal quasi ex-Ducatista Cal Crutchlow (promesso sposo di LCR Honda nel 2015), dallo spagnolo Aleix Espargarò (che i rumors di mercato vogliono vicinissimo a Suzuki) e dall'infortunato Nicky Hayden, che questo weekend e nel prossimo fine settimana di Brno cederà la sua Honda 'Open' del team Drive M7 Aspar a Leon Camier.

Jorge Lorenzo, inevitabilmente, non ha potuto che dichiararsi soddisfatto di aver finalmente trovato l'intesa con la casa dei tre diapason, l'unica con cui abbia mai corso in MotoGP sin dall'esordio nella classe regina nel 2008:

“Sono orgoglioso di aver raggiunto questo accordo con Yamaha perchè è sempre stata la mia priorità e vorrei concludere la mia carriera con loro. Ho avuto molte difficoltà nella prima parte della stagione ma penso che abbiamo imparato da questi e siam pronti a tornare più forti di prima. Mi sento in forma e mi sono allenato un sacco durante l’estate; sto bene, in gran forma e molto determinato.”

Forte di un vantaggio in classifica che solo la matematica ci impedisce di definire 'incolmabile', il Campione del Mondo Marc Marquez si avvicina al ritorno in pista ad Indianapolis con il chiaro intento di far segnare la decima vittoria consecutiva di questo suo incredibile 2014:

“Ci siamo rilassati in queste vacanze, ma adesso siamo pronti a ripartire alla grande. Siamo entusiasti dall’idea di tornare in pista, di testare il nuovo layout e il nuovo asfalto qui a Indy.”

Leggi anche: MotoGP Indianapolis 2014, Marquez: "Pronto per la seconda metà della stagione"

Valentino Rossi non vanta una tradizione così positiva ad Indianapolis come su altri tracciati del calendario, ma il pluri-iridato pesarese si dice comunque colpito positivamente dalle recenti modifiche al circuito (riasfaltato nella sua parte interna e con alcune nuove modifiche al layout che ne hanno leggermente accorciato la lunghezza:

“Ho fatto un gran inizio di stagione, con alcune gare molto buone, sfortunatmente non sono riuscito a cogliere la vittoria ma i nostri risultati sono stati sempre notevoli. Stiamo lavorando sodo per migliorare ulteriormente. Penso che gli aggiornamenti fatti [al tracciato di Indianapolis] sono importanti, molte buche sembrano esser sparite e anche la superficie dell’asfalto appare migliorata.”

Leggi anche: MotoGP Indianapolis 2014, Valentino Rossi: "Speriamo di essere competitivi"

Andrea Dovizioso invece si prepara a tornare in pista dopo aver firmato l'atteso prolungamento di due anni con Ducati, annunciato 'in pompa magna' al WDW2014:

“Abbiamo siglato un accordo per altre due stagioni, l’anno prossimo sarà molto importante per me. Indy è un circuito strano, ma le modifiche che hanno fatto dovrebbero averlo reso più divertente e non vedo l’ora di correrci. Qui abbiamo portato un nuovo motore che potrebbe aiutarci molto nel rettilineo.”

Leggi anche: MotoGP Indianapolis 2014, Cal Crutchlow: "Il mio approccio alla gara sarà il solito"

E' stata poi la volta di Aleix Espargarò, sicuramente uno dei 'pezzi pregiati' del mercato piloti ma il cui futuro al momento non è stato ancora formalmente definito. Durante la pausa estiva, le voci che lo volevano in procinto di legarsi al nuovo team ufficiale Suzuki hanno acquistato forte vigore, e lo spagnolo ha infatti confermato la trattativa:

“Stiamo guardando al 2015, la mia priorità è andare in Suzuki, ma ci stiamo ancora lavorando. Prima della Germania avevamo un paio di buone opzioni che abbiamo deciso di analizzare durante la pausa estiva, e una settimana fa abbiamo deciso di continuare a trattare solo con Suzuki. L’obiettivo principale di questa stagione è finire nei primi sei, magari superando Dovizioso in campionato.”

Leggi anche: MotoGP Indianapolis 2014, Aleix Espargarò: "Importante sfruttare il nostro momento positivo"

Come detto, Nicky Hayden è invece a Indianapolis nelle vesti di semplice 'spettatore'. L'appuntamento di questo weekend è per lui il round 'di casa', e questo non può che aumentare il suo rammarico per l'assenza forzata a causa della recente operazione al polso destro:

“Odio perdermi la gara di casa, purtroppo la situazione è questa. L’intervento è andato bene e i medici dicono che il polso migliorerà. Già fa meno male. Non so di preciso quando tornerò in sella, ma di sicuro sarà entro la fine della stagione.”

Dulcis in fundo, Cal Crutchlow ha parlato della sua decisione di passare al team LCR Honda MotoGP dopo la conferma 'farlocca' ricevuta al WDW2014:

“Naturalmente darò il 100% nelle rimanenti gare con la Ducati. L’accordo con LCR Honda è venuto fuori tardi, dopo il World Ducati Week, e con Ducati abbiamo deciso di mutuo accordo che me ne sarei andato a fine stagione. La cosa finisce lì, i dettagli rimangono tra me e Ducati ma posso dire che siamo entrambi soddisfatti, quindi non andrò oltre con questo discorso."

"Naturalmente correrò per Ducati fino a fine anno e darò il 100% per loro, ma allo stesso tempo sono felice e impaziente di iniziare la nuova stagione con LCR Honda. ma è così che vanno le cose nel mondo delle corse. Sono contento della decisione che ho preso. Non mi piace fare le cose a metà, così [all'inizio della pausa estiva] mi sono operato a entrambe le braccia. Nei primi giorni è stata dura, ma sono guarite molto rapidamente. Solo un pò di liquido e cicatrici da pulire."

01 press conference

  • shares
  • Mail