MotoGP: chi è il pilota più forte sul bagnato?

Chi è il pilota più forte sul bagnato? A rispondere sono i piloti della MotoGP e le leggende della Top Class

C'è chi la odia e chi la brama, invocando Giove Pluvio per potersi giocare l'occasione della vita: quale che sia il rapporto tra i piloti di moto e la pioggia, quest'ultima è da sempre una possibilità metereologica da considerare nelle corse, un fattore che rimescola le carte e aggiunge incertezza ad uno sport già di per sé è imprevedibile e rischioso.

Ci sono fuoriclasse assoluti che quando l'asfalto è bagnato diventano improvvisamente timorosi ed impacciati così come outsider che proprio quando il cielo si fa plumbeo riescono a dare il meglio, magari rischiando il tutto per tutto per una vittoria che vale una carriera. E ci sono quelli, infine, che vanno forte sempre e comunque, quei fenomeni che riescono ad essere là davanti sia con i 40° gradi all'ombra sia con le pozze d'acqua che invadono la pista.

Chi sono allora i piloti che vanno più forte sul bagnato? Sul canale Youtube ufficiale del Motomondiale è stato recentemente caricato un video nel quale sono gli stessi assi della Premier Class a rispondere a questa domanda. Vediamo, dunque, qual è l'opinione dei piloti intervistati: chi è il vero Re della Pioggia della MotoGP attuale?

Il nome che ricorre più spesso nel filmato è sicuramente quello di Marc Marquez: l'otto volte iridato della Honda è considerato da molti dei suoi colleghi non solo il riferimento assoluto della Classe Regina, ma anche il rider più bravo in condizioni climatiche critiche. Joan Mir, Cal Crutchlow, Takaaki Nakagami e Hafizh Syarin sono di questa opinione, condivisa per altro anche da alcuni "ex" come Max Biaggi e Alberto Puig. Il team manager di Honda HRC, però, è combattuto: anche Valentino Rossi - il più forte con la pioggia secondo il compagno di squadra Maverick Viñales - è uno che ci sa fare parecchio quando il meteo fa le bizze.

Lo stesso Marquez, però, la pensa diversamente: secondo il fenomeno spagnolo sarebbe infatti il suo principale rivale nelle ultime tre stagioni, Andrea Dovizioso, il pilota più veloce con l'asfalto bagnato. "Kenny Roberts Sr e Kenny Roberts Jr erano molto forti" spiega Marc "ma ora è il Dovi il più rapido con la pioggia".

Grazie anche ai "voti" di Karel Abraham e Aleix Espargaro il forlivese è dunque secondo in questa speciale classifica, che lo vede precedere di una posizione l'australiano Jack Miller.

Il funambolo di Townsville è il miglior "manico" in condizioni estreme secondo i due francesi in griglia, la rivelazione Yamaha Fabio Quartararo e il neo-acquisto di Ducati Avintia Johann Zarco. La pensa così anche Danilo Petrucci, che però i ritaglia uno spazietto: "Anche io vado bene con la pioggia... il mio primo podio l'ho fatto sul bagnato".

E' proprio l'australiano del team Pramac a fare invece il nome del compianto Marco Simoncelli, mentre Jorge Lorenzo elegge l'ex rivale Casey Stoner. Alex Rins, invece, si vota da solo: "Il migliore sul bagnato? Sono io. Quando piove vado forte!". Viva la sincerità!

Tra le leggende, invece, il pilota più nominato è Randy Mamola. A pensarla così sono Kevin Schwantz e Kenny Roberts Sr, ma lo stesso Randy ha ammesso: "C'è molta pressione quando cade la pioggia perché piove, poi piove più forte, poi si asciuga... non è affatto facile".

Alex Criville dal canto suo ha fatto il nome di Kenny Roberts Sr, mentre Wayne Rainey ha eletto Kevin Schwantz "Re della Pioggia". Niente falsa modestia, infine, per Mick Doohan: "In realtà, ad essere onesti, credo di essere stato abbastanza bravo sul bagnato" ha detto ridacchiando il Campionissimo australiano. D'altra parte quando hai vinto cinque mondiali un po' di autostima ce la devi avere per forza...

  • shares
  • Mail