MotoGP Motegi, Marc Marquez: "Non è stata una vittoria facile"

Il talento di Cervera ha dominato tutta la gara andando a prendersi il 10° successo stagionale e regalando a Honda il 25° alloro costruttori nella Classe Regina

Dieci gare vinte - con due Gran Premi ancora da disputare - e due mondiali già in tasca, quello Piloti e quello Costruttori (il 25° per la Honda in Top Class): la stagione 2019 non è ancora finita ma il bilancio, per Marc Marquez e il team HRC (o almeno questa parte del box...) è già superlativo.

Con la vittoria di Motegi il fenomeno di Cervera ha regalato all'Ala Dorata anche l'alloro marche, conquistato proprio in Giappone nel tempio del Motorsport targato Honda: un risultato eccellente, arrivato con una prova di forza su un Fabio Quartararo che si candida ad essere lo sfidante n°1 per il Campionato 2020.

Quella nel Sol Levante, secondo lo stesso Marc, non è però stata una vittoria facile come altre: nelle prove gli avversari erano vicini e quindi era imperativo non rilassarsi, evitare di abbassare la guardia per poter gestire il vantaggio fino alla fine. "Non è stata una vittoria semplice perché ho dovuto spingere fino dall’inizio che era la nostra strategia" ha dichiarato Marc a fine gara, parlando con i colleghi di Eurosport "Mi sentivo molto forte fin dal warm-up e quindi abbiamo deciso di provare ad andare via e creare un gap, e lo ho fatto".

Alla fine c'è stato anche un piccolo brivido, perchè la spia della benzina della RC213V ha iniziato a segnalare che il serbatoio era ormai quasi a secco: "Sono stato costretto a giocare molto con le varie levette perché ero al limite con il carburante e alla fine ero impiccato, questo è uno dei circuiti peggiori sotto questo punto di vista" ha aggiunto Marc, tirando un sospiro di sollievo. Poi, i complimenti alla squadra: "Non è stato semplice a livello di guida perché dovevo tenere a mente tante cose ma le ho gestite bene, tutto il team Honda Repsol ha fatto un ottimo lavoro e ha trovato il miglior compromesso in tutto".

  • shares
  • Mail