MotoGP Sepang 2015, Lorenzo: bisogna dare a Rossi una grande penalità

Nemmeno il più esperto dei romanzieri avrebbe forse saputo confezionare una simile trama. A Sepang succede il finimondo e Lorenzo getta la maschera con Rossi, invocando una punizione esemplare.

Nella penultima gara del mondiale 2015, alla cui vigilia, specie dopo le dichiarazioni di Rossi di giovedì in conferenza stampa sul presunto aiuto dato da Marquez a Lorenzo a Phillip Island, la tensione si tagliava con la motosega, la realtà ha superato la fantasia ed è successo di tutto e di più.

Con la caduta di Marquez dopo un contatto con il numero 46 al settimo giro del GP di Sepang, sulla quale la direzione gara sta indagando, cade anche la cortina di fairplay che quasi incredibilmente c’era stata tra il pesarese ed il compagno di squadra della Yamaha, coinquilini reciprocamente molto scomodi, per tutta la stagione.

motogp-2015-sepang-malesia-qualifiche-1.jpg

A fine gara infatti, il maiorchino, intervistato da EuroSport, ha affermato che “è… tempo di dare a Rossi una grande punizione…” per il comportamento avuto con il pilota Honda. Crollano gli schemi dunque, e, al netto del gossip e delle rivalità montate ad arte, esce allo scoperto la natura di piloti che si giocano il più importanti dei titoli mondiali su due ruote: colleghi, ma non amici, men che mai in pista.

Le parole del numero 99 arrivano dopo che lo spagnolo della Yamaha ha visto il filmato del contatto tra Rossi e Marquez, da lui definito duro. Lorenzo ha poi comparato la penalità inflitta in Moto3 a Danny Kent per guida eccessivamente lenta durante una fase delle qualifiche, che avrebbe danneggiato gli avversari, affermando poi che, nel caso del team-mate, la sanzione dovrebbe necessariamente essere più dura.

yamaha-motogp-2015-sepang-malesia-18.jpg

Il maiorchino fa quindi aleggiare lo spettro della possibilità di un trattamento in stile “due pesi e due misure” nel caso in cui il Dottore non venisse sanzionato pesantemente e chiosa con la frase “… spero di arrivare a Valencia con un vantaggio e non in svantaggio…”.

In qualunque modo vada a finire, di certo c’è che tra due settimane il Ricardo Tormo sarà una bolgia, con i tifosi spagnoli che si divideranno tra Lorenzo, Marquez ed un oggi spettacolare Pedrosa, con Rossi nella fossa dei leoni. Dopo la fine dell’apparente idillio con Marquez, anche Lorenzo ha dichiarato guerra al pesarese.

Ultime notizie su MotoGP

Tutto su MotoGP →