Dovizioso: "Non possiamo essere contenti", Hayden fuori per un guasto al motore

Ennesima delusione stagionale per le i piloti di Borgo Panigale: Dovizioso 8° anche grazie all'uscita di scena del compagno di squadra e di Iannone.

MotoGP Sepang 2013  - Gara

L'Ing. Dall'Igna avrà un bel po' di lavoro da fare: a Sepang Ducati centra l'ennesima prestazione negativa della stagione e solo Andrea Dovizioso è l'unico dei piloti di Borgo Panigale a tagliere il traguardo del Gran Premio di Malesia, dopo che Nicky Hayden è stato costretto al ritiro per un guasto al motore, mentre si trovava davanti al compagno di squadra.

Il forlivese ha commesso un errore nei primi giri e ha chiuso 8° (stessa posizione che mantiene in classifica, con 120 punti), dietro tutte le Honda e le Yamaha (tranne quella di Bradl, fuori per la frattura al malleolo) e se il Kentucky Kid non fosse uscito di scena prematuramente, come del resto Iannone, probabilmente avrebbe chiuso al 10° posto. Il distacco dal vincitore Pedrosa, del resto parla chiaro +45.111 secondi, un abisso difficile da colmare e una litania che si reitera da inizio stagione. Mancano tre GP alla fine di quest'annata nera per le rosse e ormai non resta che guardare all'anno prossimo:

“Ho fatto una buona partenza, cercando di stare con Smith, ma ero molto al limite e ho fatto un piccolo errore alla curva 14, quando mi si è chiuso l’avantreno. Sono andato fuori pista e ho perso quasi dieci secondi. Ho poi dovuto fare almeno sette curve per far ritornare un grip normale sul lato destro della gomma, e non ho capito perché. Non possiamo essere contenti, perché i nostri tempi sul giro sono stati abbastanza deludenti. In questo momento facciamo molta fatica: le altre moto hanno caratteristiche diverse dalle nostre e non riusciamo ad avvicinarci a loro.”

MotoGP Sepang 2013  - Gara
MotoGP Sepang 2013  - Gara
MotoGP Sepang 2013  - Gara
MotoGP Sepang 2013  - Gara

Delusione per Hayden, ormai al termine della sua avventura quinquennale con il marchio bolognese. Il pilota statunitense è stato costretto al ritiro a metà gara per un guasto al motore della sua Desmosedici, che è già stato spedito a Bologna per essere controllato. Questo era l'ultimo dei cinque motori a disposizione per Hayden, punzonato a Misano e utilizzato ad Aragon, in caso di una nuova punzonatura lo statunitense rischierebbe di partire dalla pit-lane a Phillip Island, a meno che non utilizzi uno dei motori vecchi:

“E’ un vero peccato perché ieri, prima del quarto turno di prove libere, insieme alla squadra avevamo fatto dei buoni progressi con la moto. Le qualifiche non sono andate altrettanto bene, ma stamattina ho girato più veloce di quanto avessi mai fatto nel corso dell’intero weekend e anche il mio passo di gara non era male. In griglia ero all’undicesimo posto e ho guadagnato subito qualche posizione e stavo facendo la mia migliore gara da parecchio tempo. Sono riuscito a staccare Dovi abbastanza facilmente ed avevo preso Smith, che però era più veloce di me in certi punti del circuito. Nella staccata dell’ultima curva, ho sentito uno strano rumore. Speravo che fosse la sua moto, ma quando ho aperto il gas, è stato chiaro che il problema era mio. Adesso toccherà agli ingegneri a Bologna approfondire le analisi sul motore per vedere quale sia stato il vero problema. E’ un peccato sia per me che per la squadra iniziare la tripletta in questo modo.”

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: