SBK: Leon Camier è il nuovo team manager Honda

Il 34enne ormai ex-pilota britannico è il nuovo ‘boss’ del team ufficiale HRC nel massimo campionato per “derivate” dalla serie

Ad appena due giorni dall’atteso test di Jerez de La Frontera – prima uscita in pista ufficiale del 2021 per il Mondiale Superbike – il Team HRC, ovvero la squadra factory del colosso Honda, ha annunciato a sorpresa un cambio della guardia al suo vertice: l’ex-pilota inglese Leon Camier, a questo punto ufficialmente ritirato dalle competizioni, è infatti stato nominato nuovo Team Manager al posto dello spagnolo Jaume Colom.

12 mesi fa di questi tempi, il 34enne britannico era alle prese con la travagliata riabilitazione della spalla sinistra infortunata nei test invernali di Aragon, i primi con la Ducati Panigale V4 R del suo nuovo team Barni Racing, episodio che lo aveva costretto ad andare “sotto i ferri” nel Dicembre 2019.

 

Dopo aver tentato di partecipare alle prime “libere” del round inaugurale di Phillip Island, Camier ha iniziato il suo personale calvario alla ricerca del completo recupero fisico, con i disagi legati alla pandemia del Covid-19 che hanno ulteriormente complicato il suo percorso. Il suo ritorno in pista, però, non si è mai più materializzato, da cui la rescissione consensuale dell’accordo con Barni arrivata a Luglio.

Tuttavia, come appena confermato, il 2021 vedrà Camier tornare nel paddock della SBK con un ruolo per lui del tutto nuovo, ed in una posizione decisamente prestigiosa. Nella sua carriera da pilota, Camier ha guidato per Honda solo nei suoi primi anni in BSB, fino al 2007, e nel biennio 2018-2019, quando ha gareggiato – con poche soddisfazioni – per il team che si appresta a dirigere. Nel mezzo c’è anche qualche apparizione in MotoGP nel 2014 con il team Aspar Honda, in sostituzione dell’allora infortunato Nicky Hayden.

 

Camier: “Sono pronto a lavorare sodo per Honda!”

 

Se, come pare, i suoi giorni da pilota sono finiti, Leon Camier ha chiuso la sua carriera in Superbike dopo 223 gare (l’esordio nel 2009) e 9 podi, ma senza mai centrare una vittoria. Per la sua nuova avventura, l’obiettivo è invece raggiungere il primo gradino del podio:

“Sono stato un pilota Honda per diverse stagioni durante la mia carriera e ora sono felice e orgoglioso di tornare in questa azienda per quello che è certamente un importante cambiamento nella mia vita professionale e personale.”

“Ringrazio quindi Honda per la fiducia che ha riposto in me: è un progetto molto importante e la nuova CBR1000RR-R Fireblade mi sembra assolutamente fantastica. Sono pronto a lavorare sodo per raggiungere i nostri obiettivi: l’ho sempre fatto da pilota e continuerò a farlo da Team Manager.”

 

Camier: “Conosco molto bene la Superbike e le sue sfide”

Nonostante una discreta crescita nell’ultima fase della stagione, il 2020 del Team HRC è stato ancora una volta avaro di soddisfazioni. Dopo la conferma di entrambi i piloti, lo spagnolo Alvaro Bautista e l’inglese Leon Haslam, l’obiettivo di Camier per il 2021 non potrà che essere quello di far meglio dell’unico podio racimolato l’anno scorso:

“Avendo corso in SBK per tanti anni conosco molto bene il campionato e le sue sfide, anche se è chiaro che il periodo attuale complicherà un po’ di più le cose. Ad ogni modo, lavorando al fianco di due piloti molto forti come Alvaro e Leon, oltre ad un gruppo di persone altamente professionali come il team e gli Ingegneri HRC, confido che saremo in grado di raggiungere presto il nostro pieno potenziale e quindi lottare per i migliori risultati.”

“Ora abbiamo ci aspettano due importanti giorni di test a Jerez: questa sarà anche la mia prima vera opportunità di lavorare con il team e per questo non vedo l’ora di iniziare questa nuova ed entusiasmante avventura”.

 

I Video di Motoblog

Ultime notizie su Superbike

Cronaca, live timing e live blogging della gare Campionato Mondiale Motul FIM Superbike 2019 riservato alle moto derivate dalla serie. Superbike 2019 - calendario 1- Australia – Phillip Island Grand Prix [...]

Tutto su Superbike →