MotoGP: il nuovo team satellite Aprilia RNF con Fernandez e Oliveira

Il nuovo team ‘indipendente’ di Aprilia, nato dall’accordo con la struttura guidata da Razlan Razali, ufficializza i propri piloti per la stagione 2023.

Il nuovo team ‘satellite’ di Aprilia in MotoGP, nato dall’accordo tra la casa di Noale e il team malese RNF, ha ufficializzato oggi i due piloti che porteranno questo nuovo connubio al debutto nella stagione 2023: saranno infatti il portoghese Miguel Oliveira e lo spagnolo Raul Fernandez a cavalcare i prototipi RS-GP del nuovo WithU RNF MotoGP Team nelle prossime due annate del Motomondiale.

Con gli spagnoli Aleix Espargaró e Maverick Viñales già ampiamente confermati dal team factory, Aprilia si è così assicurata i servigi di due piloti che hanno fortemente voluto saltare in sella alle sue moto nonostante fossero richiestissimi sul mercato. Il 27enne Oliveira, in particolare, pare abbia rifiutato un contratto triennale con KTM per passare dal team ufficiale a quello satellite Tech3 ponendo così fine alla lunga partnership con il marchio austriaco, con il quale ha debuttato in MotoGP nel 2019. Con 4 vittorie e 2 altri podi già all’attivo in Premier Class, le sue credenziali di pilota competitivo non sono certo in discussione.

Discorso diverso per il 22enne Raul Fernandez, approdato quest’anno in MotoGP dopo un’impressionate stagione da rookie in Moto2 ma praticamente mai in evidenza con la KTM RC16 del team Tech3, con la quale ha finora ha raccolto solo 5 punti iridati. Le difficoltà di adattamento al prototipo austriaco e gli ottimi risultati in pista di quello veneto in questa stagione sono stati determinanti nel convincerlo ad accettare la corte del rinnovato team malese.

L’annuncio arriva giusto alla vigilia del GP di San Marino e della Riviera di Rimini (clicca qui per orari e copertura TV) che coinciderà con l’ultimo round in carriera per Andrea Dovizioso, attuale pilota del team (che ancora gareggia con moto Yamaha), prima del preannunciato ritiro. Resta invece appiedato, almeno per il momento, l’altro attuale pilota del team Darryn Binder, 24enne sudafricano che lo scorso inverno era ‘salito’ nella classe regina direttamente dalla Moto3.

Razali: “Noi e Aprilia volevamo piloti giovani”

Razlan Razali, fondatore e ormai familiare Team Principal della squadra malese (che manterrà lo stesso ruolo anche nella nuova squadra), si è dichiarato molto soddisfatto dei suoi due nuovi portacolori, messi sotto contratto dopo due annate di polemiche più o meno velate con Yamaha nella gestone dei piloti:

“Siamo estremamente felici di accogliere Miguel Oliveira e Raul Fernandez nel WithU RNF MotoGP Team a partire dal 2023. Non è stato facile, ma insieme ad Aprilia abbiamo sempre avuto le idee chiare sui piloti che ci sarebbe piaciuto ingaggiare. Sono entrambi giovani, con buona esperienza nel caso di Miguel, mentre di Raúl sono personalmente un grande fan sin da quando ha strabiliato la Moto2 diventando vicecampione del Mondo al suo primo anno in quella classe. Poterlo avere finalmente con noi è fantastico. Sia noi sia Aprilia crediamo nel talento di entrambi i piloti, non vedo l’ora di vederli guidare per noi la prossima stagione!”

Rivola esalta Oliveira e Fernandez: “due talenti straordinari”

Massimo Rivola, “numero 1” delle attività sportive di Aprilia, ha ribadito a sua volta la grande fiducia del costruttore italiano nei suoi nuovi acquisti, confermando che entrambi saliranno subito in sella alle loro nuove moto già nei primissimi test invernali:

“Il nostro progetto satellite insieme al Team RNF sta prendendo forma nel modo in cui lo abbiamo concepito fin dall’inizio. Siamo riusciti ad assicurarci due talenti straordinari, due piloti che stimo molto sia dal punto di vista umano sia per le loro doti tecniche. Miguel ha mostrato il suo talento in tutte le categorie, pur essendo ancora molto giovane ha già accumulato una grande esperienza vincendo quattro gare in MotoGP, a volte con prestazioni dominanti. Al suo fianco ci sarà Raúl, un pilota che non nascondo di aver cercato più volte. Credo sia una delle promesse più cristalline degli ultimi anni, quello che ha fatto in Moto2 al debutto la dice lunga sulla sua velocità.”

“Dovremo essere bravi ad offrire ad entrambi un pacchetto tecnico in grado di farli esprimere al meglio del loro potenziale. Colgo anche l’occasione per ringraziare KTM che, dimostrando grande sportività, ha concesso a Miguel e Raúl di salire sulla nostra moto subito dopo la fine del campionato 2022”.

Ultime notizie su MotoGP

Tutto su MotoGP →