MotoGP, nel 2020 si corre in Finlandia: tutto ciò che c'è da sapere

Il nuovissimo impianto di Iitti esordirà in MotoGP nel 2020 riportando il paese scandinavo nel calendario del Motomondiale dopo 38 anni!

La pubblicazione del calendario provvisorio della MotoGP 2020, divulgato la scorsa settimana, ha in pratica ufficializzato l'ingresso del nuovo GP di Finlandia nel programma del Motomondiale, preannunciato nell'estate 2016 (anche se inizialmente previsto per il 2019) ed ora ormai pronto al suo compimento, nonostante qualche esitazione di troppo nello svolgimento dei lavori per la realizzazione il nuovissimo impianto del Kymi Ring.

Secondo la prima stesura del calendario, il Gran Premio di Finlandia 2020 sarà l'11° round stagionale ed avrà luogo nel weekend del 10-12 Luglio, due settimane dopo il round di Assen e subito prima della "pausa estiva", che si concluderà il fine settimana del 7-9 Agosto con l'appuntamento di Brno. L'accordo siglato con Dorna dal Direttore del circuito Kari O. Sohlberg prevede la sua permanenza nel circus iridato fino al 2023.

Il Kymi Ring è situato a Iitti, nella regione del Kymenlaakso, a circa 110 chilometri a nord-est della capitale Helsinki, e deve il suo nome al fiume Kymijoki che scorre nella valle che ospita la pista. È il primo circuito scandinavo dotato di licenza FIA di primo grado (la più alta) ed ha ufficialmente "aperto i battenti" lo scorso 19 Agosto, in occasione di un apposito test MotoGP a cui hanno partecipato i test-riders di tutte le case costruttrici della Premier Class.

Il layout del tracciato, disegnato dalla britannica Apex Circuit Design Ltd. e da affrontare in senso orario, misura 4,6 km e comprende 2 lunghi rettilinei (il maggiore dei quali "opposto" a quello della griglia di partenza), 9 curve a destra e 9 curve a sinistra, con una carreggiata che varia dai 12 ai 15 metri e un dislivello totale di quasi 20 metri.

Al suo interno, condividendo con il tracciato principale il rettilineo dei box, c'è inoltre un tracciato in sterrato per il rally-cross, lungo 1,56 km, che il prossimo anno sarà "riadattato" per ospitare l'altrettanto "nuovo" GP di Finlandia del Mondiale Motocross.

Il GP di Finlandia non rappresenta comunque una novità assoluta nella storia del Motomondiale: il paese nordico - che ha dato i natali a diverse leggende del motorsport sia tra le 2 che tra le 4 ruote - ha infatti già avuto un proprio GP dal 1962 al 1982, anche se l'ultima gara della premier class (ai tempi la classe 500cc) risale all'Agosto dell'anno precedente, con vittoria conquistata dalla leggenda della MotoGP Marco Lucchinelli su Suzuki nella stagione che gli regalò il suo unico trionfo iridato.

Nella storia dell'evento - che in precedenza si è sempre svolto sul tracciato di Imatra tranne le prime due edizioni a Tempere - il pilota di maggior successo è di gran lunga il "mitologico" Giacomo Agostini, con ben 19 vittorie tra 500 e 350cc, ma nell'Albo d'Oro dei vincitori figurano altri nomi importantissimi del motociclismo sportivo quali Mike Hailwood, Phil Read, Angel Nieto, Johnny Cecotto e Anton Mang oltre alle "leggende italiane" Walter Villa e Pier Paolo Bianchi. MV Agusta, con 19 vittorie, è la casa fino ad ora più "decorata" in Finlandia.

Come detto, tutti e 6 i costruttori attualmente in attività in MotoGP hanno avuto un "primo assaggio" del circuito finlandese all'inizio di questo mese, con le bizze del meteo locale che hanno permesso ai rispettivi test-riders di provarlo sia in condizioni di asciutto che di bagnato.

Il crono di riferimento è stato fissato in 1:47.540 dal britannico Bradley Smith su Aprilia, con l'opinione generale dei piloti impegnati che ha assimilato le caratteristiche del KymiRing quelle di Silverstone, con parti molto veloci alternate ad altre estremamente lente che ne faranno un circuito molto impegnativo in termini di ricerca del giusto set-up delle moto. Anche i tecnici Michelin erano ovviamente presenti al test, soprattutto per iniziare a conoscere e a valutare le caratteristiche della superficie asfaltata.

Dopo il test di inizio Agosto, sono state proposte alcune modifiche al tracciato stesso e all'impianto, che attualmente è ancora in fase di completamento e saranno certamente completati per l'atteso debutto sulla scena internazionale del Luglio 2020. Ci vorrà ancora qualche tempo, quindi, per apprezzarne la versione definitiva del KymiRing, ma nel frattempo, per i più curiosi, sarà possibile reperire altre informazioni tramite il suo sito web ufficiale.

  • shares
  • Mail