Pernat: "Il rinnovo di Petrucci? Ducati puntava al ritorno di Lorenzo..."

Secondo il manager ligure il rinnovo di Petrux sarebbe andato per le lunghe a causa della "trattativa" in corso tra Ducati e Jorge Lorenzo: a Borgo Panigale puntavano al ritorno del maiorchino sulla Desmosedici

Dopo settimane di voci e indiscrezioni, l'annuncio del rinnovo contrattuale tra Ducati e Danilo Petrucci è arrivato nel fine settimana del Sachsenring, ultimo round della MotoGP prima delle vacanze estive. Eppure dalla vittoria del Mugello era passato quasi un mese: dopo il successo al GP d'Italia l'accordo tra il ternano e Borgo Panigale sembrava ormai cosa fatta, ma le trattative si sono dilungate e la comunicazione ufficiale del prolungamento del "matrimonio" è arrivata solo in Germania.

Come mai? Secondo Carlo Pernat l'esitazione di Ducati dopo il Gran Premio d'Italia ha delle ragioni ben precise. O meglio: una ragione ben precisa, che risponde al nome di Jorge Lorenzo.

Il manager ligure, vecchio volpone del Circus e sempre "sul pezzo" quando si tratta di pettegolezzi e voci scottanti, ritiene infatti che a Bologna abbiano procastinato nel rinnovo di Petrux in quanto l'obbiettivo degli uomini in rosso sarebbe stato quello di riportare Jorge Lorenzo sulla Desmosedici, approfittando delle difficoltà del maiorchino con la Honda ufficiale.

Petrucci, insomma, sarebbe stato ancora una volta il "Piano B" di Borgo Panigale nonostante la vittoria del Mugello, almeno stando a quanto sostiene Pernat. La situazione si sarebbe sbloccata a favore di Danilo dopo il Gran Premio d'Olanda, vale a dire in seguito alla rovinosa caduta delle FP1 di Assen le cui conseguenze terranno Jorge lontano dai circuiti fino a fine agosto.

"Dall'Igna ha parlato con Lorenzo. Ducati non si è sbrigata a rinnovare il contratto di Petrucci perché Gigi era in trattativa con Jorge. Poi, dopo la caduta (di Assen, ndr) questi contatti sono cessati" ha spiegato Pernat ai microfoni di Paddock-GP. "Dall'Igna - ha proseguito il genovese - non è contento, perché è riuscito a mettere in campo la moto migliore ma non ce l'ha fatta a vincere il titolo. Ma soprattutto non è contento perché Lorenzo non è con lui".

Il progettista della Desmosedici, d'altra parte, è notoriamente un grande estimatore di Lorenzo nonché uno degli uomini che guidarono il passaggio di Jorge alla Ducati nel 2016. L'ingegnere veneto ha lavorato proficuamente con lo spagnolo ai tempi dell'Aprilia, e non ci sarebbe da stupirsi se anche questa volta avesse provato a corteggiare uno dei suoi piloti prediletti. Secondo Pernat, però, la porta del box rosso sarebbe ormai chiusa per il Porfuera: le opzioni per il maiorchino, sarebbero di "continuare con Honda o ritirarsi. Tutto dipende da lui".

  • shares
  • Mail