Lorenzo 9° con caduta nel Day-3 di Phillip Island

Il Campione del Mondo della MotoGP illeso dopo una caduta nel Day-3 del test di Phillip Island: "Ho frenato troppo, poca aderenza davanti"

test-motogp-australia-day-3a-19.jpg

Mettendo a referto il crono di 1:29.760, a 6 decimi dalla migliore prestazione di giornata di Marc Marquez (Honda Repsol), Jorge Lorenzo (Movistar Yamaha MotoGP) non è riuscito ad andare oltre il nono miglior tempo nella terza giornata di test IRTA della MotoGP in Australia, un risultato sotto le aspettative che non ha non ha ovviamente soddisfatto il Campione del Mondo pur tenendo conto di alcune 'attenuanti'.

Il fuoriclasse maiorchino era sembrato sin da inizio sessione uno dei piloti più veloci e attivi a Phillip Island, inanellando già diversi giri sull'asciutto prima del sopraggiungere della pioggia che per un paio d'ore ha poi sospeso l'attività in pista. Nel pomeriggio, Lorenzo è poi incappato in un incidente all'inizio di una simulazione gara che ha determinato la fine anticipata della sua giornata di lavoro, chiudendo nono nel Day-3 e quarto nella classifica combinata dei tre giorni grazie all'1:29.357 che gli era valso il terzo posto nel Day-2.

Movistar Yamaha's Spanish rider Jorge Lorenzo takes a corner during the third day of the 2016 pre-season MotoGp motorcycling test on Phillip Island on February 19, 2016.      AFP PHOTO / Theo Karanikos      IMAGE STRICTLY RESTRICTED TO EDITORIAL USE - NO COMMERCIAL USE / AFP / THEO KARANIKOS        (Photo credit should read THEO KARANIKOS/AFP/Getty Images)

Nella sua analisi del Day-3 di Phillip Island, Jorge Lorenzo ha innanzitutto spiegato i motivi che gli hanno impedito di chiudere più in alto nella graduatoria dei tempi, un risultato in netto contrasto con il dominio messo in atto due settimane fa nel precedente test di Sepang:

"Non abbiamo avuto tanto tempo per provare questa mattina, eppure proprio di mattina ho fatto il mio miglior crono su un pneumatico posteriore che già aveva fatto 24 giri. Ho guidato con gomme usate per tutto il giorno perché ci era rimasta soltanto un'altra gomma nuova. Quando finalmente la pista si è asciugata e potevamo montare l'ultima gomma per fare un tempo decente, Laverty è caduto e ho dovuto annullare quel tentativo."

"A quel punto ho quindi deciso di provare a fare una simulazione di gara, ma sono caduto al primo giro perché la pista era molto fredda. Ci sono stati diversi incidenti durante quel momento della giornata. Ero molto concentrato e ho frenato un po' troppo duramente per quella che era l'aderenza del pneumatico anteriore, così sono caduto terminando anzitempo il mio test. Sepang, per noi, era stato un test incredibile, qui le cose sono cambiate completamente perché il lay-out della pista è l'opposto. Ora vediamo cosa succederà in Qatar."

PHILLIP ISLAND, AUSTRALIA - FEBRUARY 19:  The bike of Jorge Lorenzo of Spain and Movistar Yamaha MotoGP after crashed out in front of box with mechanics during the 2016 MotoGP Test Day at Phillip Island Grand Prix Circuit on February 19, 2016 in Phillip Island, Australia.  (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

  • shares
  • Mail