MotoGP: Ducati in ombra nel venerdì di Aragon

Andrea Dovizioso e Andrea Iannone chiudono il Day-1 del Motorland Aragon all'ottavo e al nono posto con abbondante distacco dai primi.



ducati-motogp-2015-11.jpg

La prima giornata di prove libere per il GP di Aragon (clicca qui per orari e copertura TV) è stata certamente interlocutoria per le Ducati, relegate in fondo alla Top-10 di giornata con distacchi comunque poco rassicuranti in vista del resto del weekend.

I due piloti del team ufficiale di Borgo Panigale, Andrea Dovizioso e Andrea Iannone, hanno concluso il Day-1 rispettivamente all’ottavo e al nono posto della classifica combinata con distacchi di oltre 1" dal best lap odierno firmato Jorge Lorenzo (Movistar Yamaha), con la Desmosedici 'clienti' di Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing) subito dietro di loro a +1"3.

ducati-motogp-2015-7.jpg

Nelle FP1 del mattino, Andrea Dovizioso aveva cominciato piuttosto bene con un sesto posto (anche se già a 1"3 dal miglior crono del maiorchino), ma le temperature decisamente più alte delle FP2 sembra aver fatto soffrire più del previsto la sua GP15, con un miglior crono finale di 1’48.575 che comunque, se non in termini di piazamento, ha comunque fatto segnare dei progressi in termini di gap dal miglior crono:

“Non è stata una grande giornata per noi, anche se il distacco dalla seconda posizione non è poi così alto. Oggi pomeriggio abbiamo incontrato qualche difficoltà e non siamo riusciti a girare quanto avremmo voluto. Stiamo lavorando sull’elettronica ed in particolare sulle mappature, ma non siamo ancora riusciti a trovare una soluzione che ci soddisfi del tutto e questo non ci ha permesso di fare il solito lavoro di rifinitura sul set-up. In ogni caso siamo positivi e adesso lavoriamo per cercare di essere più competitivi domani.”

ducati-motogp-2015-2.jpg

Come noto, Andrea Iannone è arrivato al Motorland Aragon con qualche noia alla spalla non indifferente, ma il pilota di Vasto ha stretto i denti per quanto possibile andando a timbrare un 1’48.615 che gli ha permesso di chiudere a una manciata di millesimi dal compagno di squadra. Queste le sue riflessioni di fine giornata:

“Non sono molto contento del mio tempo ma alla fine, considerando anche le mie condizioni fisiche, credo di avere ottenuto il massimo. La spalla mi fa male ed è inutile negarlo, ma mi sono già trovato a gestire una situazione simile quest’anno e conto di riuscirci al meglio anche qui. Oggi non ho preso nessun antidolorifico: domani vedremo come mi sento e se necessario prenderò qualcosa, perché sarà difficile riuscire a gestire tutto il week-end così. Sarà comunque fondamentale migliorare le nostre prestazioni in pista, perché siamo un po’ indietro ed il mio tempo di oggi non mi soddisfa.”

ducati-motogp-2015-14.jpg

  • shares
  • Mail