MotoGP: separazione immediata tra Yamaha e Vinales

Dopo le polemiche in Austria, il team ufficiale di Iwata e l’asso spagnolo comunicano l’interruzione istantanea del loro rapporto per la stagione 2021.

In seguito alle polemiche delle ultime settimane per motivi “disciplinari”, che avevano portato anche alla sospensione del pilota per un GP da parte della squadra – il team ufficiale Yamaha in MotoGP e il pilota spagnolo Maverick Vinales hanno deciso di troncare immediatamente il proprio rapporto per l’attuale stagione 2021. Per il momento, quindi, lo squadrone nipponico schiererà in pista solo l’attuale leader del Mondiale, il francese Fabio Quartararo.

La decisione era già nell’aria da tempo e, a quanto pare, le scuse avanzate dal pilota in seguito ai comportamenti a lui addebitati dalla squadra (in particolare, alcune dannose “sgasate” nel finale del GP di Stiria) non sono state sufficienti ai vertici Yamaha per “perdonarlo” e permettergli di terminare la stagione in corso. Vinales, già promesso sposo di Aprilia per il 2022, potrà così iniziare a concentrarsi con largo anticipo sul prossimo capitolo della sua carriera insieme alla squadra veneta.

Lin Jarvis: “E’ la scelta migliore per entrambe le parti”

Senza dare spazio a ulteriori polemiche, Lin Jarvis, boss delle attività sportive di Yamaha, ha così spiegato i motivi che hanno portato alla decisione di separarsi anticipatamente dal 26enne spagnolo:

“Yamaha e Vinales avevano già annunciato ad Assen la decisione comune di interrompere anticipatamente il programma di lavoro originale per il biennio 2021-2022, concludendolo alla fine del 2021. Sia il pilota che il team si erano comunque impegnati a proseguire insieme fino alla fine della stagione in corso, con la squadra che avrebbe garantito il suo pieno supporto e il pilota che avrebbe assicurato il suo massimo impegno per chiudere dignitosamente il progetto.”

“Purtroppo, nel GP della Stiria, la gara non è andata bene e non è finita bene. Di conseguenza, dopo una profonda riflessione da entrambe le parti, è stata raggiunta la decisione che porre subito fine a questa partnership sarebbe la cosa migliore per entrambe le parti.”

 

“Questa separazione anticipata consentirà al pilota di essere libero di seguire la direzione da lui scelta per il suo futuro e consentirà al team di concentrare i propri sforzi sulle restanti gare della stagione 2021 con un altro pilota “sostitutivo”, ancora da scegliere.”

“Vorrei comunque esprimere la sincera gratitudine di Yamaha a Maverick: noi continueremo a custodire i bei ricordi e ad apprezzare il lavoro svolto da entrambe le parti nei 4 anni e mezzo trascorsi insieme, che ci hanno fruttato 8 vittorie, 24 podi e due terzi posti nel mondiale piloti, nel 2017 e nel 2019. Auguriamo a Maverick tutto il meglio per il suo futuro.”

 

Vinales: “Sarà sempre orgoglioso dei risultati ottenuti con Yamaha.”

 

Difficilmente Maverick Vinales avrebbe potuto prevedere un così burrascoso finale della sua stagione in MotoGP dopo aver vinto il round inaugurale della stagione in Qatar. Anche lui, tuttavia, ha scelto un approccio conciliatorio nelle dichiarazioni con cui ha formalizzato l’addio alla casa dei 3 diapason:

“Dopo la comune decisione presa ad Assen di separarci con un anno di anticipo, avevamo deciso di impegnarci per finire bene l’attuale stagione, con il massimo sforzo da entrambe le parti. Al GP di Stiria, però, la gara non è andata come speravamo e purtroppo non è finita bene.”

“Dopo un’attenta valutazione entrambe le parti, abbiamo concordato sul fatto che sarebbe stato meglio porre fine alla nostra partnership con effetto immediato. Sono profondamente grato a Yamaha per la grande opportunità che mi ha dato e per il supporto ricevuto in questi 4 anni e mezzo di gare: guarderò sempre con orgoglio ai risultati che abbiamo raggiunto insieme. Avrò sempre grande rispetto per Yamaha e auguro loro il meglio.”

Ultime notizie su MotoGP

Tutto su MotoGP →