Apoteosi Binder in Austria: “Questa vittoria è pura follia!”

Il sudafricano della KTM mantiene il sangue freddo al Red Bull Ring per centrare la 2a vittoria in carriera in MotoGP: “Ma è stato davvero spaventoso!”

A poco più di un anno di distanza dalla sua storica prima vittoria in carriera in MotoGP – che coincise anche con la prima vittoria di KTM nella Premier Class – il sudafricano Brad Binder (Red Bull KTM Factory Racing) è tornato ieri ad assaporare il dolce gusto del trionfo nel rocambolesco GP d’Austria, 11° round del Motomondiale 2021.

Scattato dalla 4a fila dello schieramento dopo un poco lusinghiero 10° posto in qualifica, Binder è stato protagonista di una bella prestazione nella prima parte di gara, quando il meteo si è mantenuto stabile (con pochissima pioggia e asfalto prevalentemente asciutto), riuscendo a risalire fino alla 6a posizione.

Le cose però sono radicalmente cambiate a 5 giri dalla fine, quando la pioggia ha iniziato a scendere con maggiore intensità sul Red Bull Ring: mentre i 5 piloti davanti a lui rientravano nel box per il cambio-moto, Binder ha infatti provato l’azzardo tentando di concludere la corsa con gomme slick, mossa che alla fine si è rivelata vincente.

Guidando con massima cautela la sua KTM RC16 nonostante la pioggia battente, pur prendendosi qualche inevitabile spavento, il 26enne ex-iridato della Moto3 ha infatti centrato l’obiettivo tagliando il traguardo con circa 10″ di vantaggio sui “ducatisti” Francesco Bagnaia (Ducati Lenovo) e Jorge Martin (Pramac Ducati), in rabbiosa rimonta dopo con le moto in assetto da bagnato.

Commentando il suo inatteso exploit, un raggiante Brad Binder ha ribadito come la fortuna abbia comunque avuto un certo “peso” nella riuscita della sua memorabile impresa:

“È stato davvero spaventoso! Quando ho visto che la pioggia stava per arrivare ho cercato di capire quanti secondi avrei potuto perdere al giro, ma quando gli altri sono entrati nella corsia box ho deciso di prendermi il rischio. Ho potuto spingere forte nel primo giro, ma poi la gomma posteriore ha iniziato a scivolare sempre di più man mano che la temperatura si è abbassata. E alla fine ho pure perso i freni in carbonio!”

“Wow, penso che ci sia stato qualcuno lassù nell’alto dei cieli a tenermi in pista oggi perché ci sono stati un paio di momenti in cui ho davvero pensato che l’impresa fosse finita. Ma qui, davanti a questi tifosi, in quella che è la gara “di casa” per KTM e [il main sponsor] Red Bull, mi sono sentito quasi in dovere di rischiare. Aver vinto oggi .

Ultime notizie su Gare

Segui tutte le gare di moto con motosblog, dal Motogp al SBK con i nostri speciali in tempo reale, i commenti, le anticipazioni, le interviste dei piloti, le foto e le video per vedere e rivedere le gare da non perdere.

Tutto su Gare →