Rossi KO ad Assen: "Chiedo scusa a Nakagami"

Il pesarese della Yamaha cade ed esce di scena dal GP d'Olanda, eliminando anche il giapponese: "Ho sofferto troppo questo weekend..."

Quello del GP dei Paesi Bassi è stato un altro weekend da dimenticare per Valentino Rossi (Mosnter Energy Yamaha), scattato dalla 14a casella della griglia ad Assen dopo le pessime qualifiche del sabato e poi uscito di scena in gara causa scivolata dopo soli 5 giri, in un incidente che ha coinvolto anche il giapponese Takaaki Nakagami (LCR Honda).

Nel Warm-Up mattutino della MotoGP, il "Dottore" aveva finalmente trovato un assetto di suo gradimento per la sua Yamaha YZR-M1, e questo è sembrato funzionare a dovere nella primissima parte di gara, con il pesarese già risalito all'11° posto al terzo giro.

Tuttavia, la smania di risalire presto la china ha tradito Rossi in un tentativo di sorpasso ai danni di Nakagami alla curva 8, nel quale è entrato in contatto con il giapponese per finire a rotolare nella ghiaia insieme a lui. Nessuno dei 2 piloti ha riportato danni dal punto di vista fisico, ma per entrambi la gara olandese si è amaramente conclusa con quell'episodio.

Considerando anche i precedenti ritiri del Mugello e del Montmelò, per Rossi si è trattato del terzo "zero" consecutivo, una sconfortante "striscia negativa" che certamente non può fargli piacere e che lo ha visto precipitare al 5° posto nella classifica del Mondiale Piloti, con un gap siderale di 88 punti nei confronti del leader Marc Marquez (Honda Repsol), ieri 2° ad Assen dietro al compagno di box di Rossi Maverick Vinales.

Nella sua analisi di fine giornata, il 9-volte-iridato della Yamaha si è rammaricato per la prematura eliminazione dalla corsa, ammettendo la sua responsabilità nella collisione con Nakagami:

"Ero abbastanza veloce oggi, quindi ho cercato di recuperare subito qualche posizione. Mi sono trovato in lotta con Nakagami e ho provato a sorpassarlo in ingresso alla curva-8, ma credo di essere entrato un po' troppo fuori traiettoria. Ho perso l'anteriore e sfortunatamente ho eliminato anche Nakagami, quindi è stato un vero peccato e devo dire scusa a lui."

"È stato un mio errore, ma mi dispiace anche perché oggi, dopo essere stati lenti per tutto il fine settimana, avevamo trovato qualcosa che mi stava facendo andare bene in gara. Mi sentivo bene con la moto, e questo rende la delusione ancora più grande, ma d'altra parte è anche importante capire che ho sofferto troppo questo weekend e che dobbiamo essere più forti."

  • shares
  • Mail