Marquez: "Preferiscono fischiare me che celebrare gli altri piloti"

"Pirro è caduto a 300 all'ora: non sapevamo se fosse vivo o morto... ma la loro priorità era continuare a insultare" ha dichiarato un Marquez amareggiato dopo la gara del Mugello

marquez_1.jpg

Non è stato un week facile quello di Marc Marquez al Mugello. E non solo per la caduta che lo ha relegato in 16^ posizione a 39 secondi dalla vetta, ma anche per il clima ostile che lo spagnolo ha incontrato sulle colline toscane: non sono infatti mancati né i soliti fischi né le ancor più odiose manifestazioni di tifo, indirizzate al Campione del Mondo in carica e anche al vincitore Jorge Lorenzo.

"E' una cosa che mi aspettavo - ha dichiarato Marc dopo la gara - "E' triste che celebrino la cauda di un pilota, perché rischiamo la nostra pelle in pista. So bene che c'è molta gente che ha festeggiato per la mia caduta, ma la cosa curiosa è che preferiscono fischiare me anziché celebrare la vittoria degli altri. Però ormai siamo a questo punto: ci sono molte cose che hanno portato a questa situazione..."

marquez_mugello.jpg

"Era tutto chiaro già venerdì - ha proseguito il #93 - quando Pirro era disteso nella ghiaia dopo una caduta a 300 all'ora: non si sapeva se fosse vivo o morto ma la loro massima preoccupazione era fischiare e e insultare altri piloti quando li inquadravano sui maxischermi. Questo dice tutto".

"Io mi auguro che che nessun mio tifoso faccia mai cose del genere, l'ho già detto nel 2015 e nel 2016. Spero che i miei fans siano prima di tutto appassionati di motociclismo e che abbiano rispetto per tutti i piloti, che è la cosa più importante. Quando cade un pilota non c'è nulla di cui rallegrarsi: noi ci giochiamo la vita" ha concluso lo spagnolo.

Infine Marquez ha commentato la vittoria di Jorge Lorenzo e la sua deludente prestazione, che riapre i giochi mondiali: "Jorge ha tappato più di qualche bocca (sorride) Va così, quando hai tanta rabbia dentro, quando ti criticano... sono sicuro che è molto contento. Io non ho mai dubitato del suo talento e sapevo che ci sarebbe riuscito: vero, ha vinto al Mugello che è una delle sue piste preferite, ma credo che d'ora in poi riuscirà a lottare per ogni gara".

"In un certo senso oggi Jorge mi ha fatto un favore vincendo, perché ha tolto punti ai miei inseguitori. Non sono contento di questo risultato, sono caduto... c'è gente che crede che io possa vincere con una mano sola, ma non è così: ho sempre sottolineato che il campionato è lungo e che possono succedere tante cose... e oggi si è visto!" ha concluso Marc.

marquez.jpg

  • shares
  • Mail