Rossi: "Marquez sta distruggendo questo sport"

Il pesarese critica aspramente il Campione del Mondo: " Se tutti i piloti dovessero correre in questo modo, le cose andrebbero a finire male."

2017-motogp-argentina.jpg

Il GP di Argentina di ieri era solo il secondo round del Mondiale MotoGP 2018, ma gli strascichi polemici che ha generato rischiano di avvelenare pesantemente tutto il resto della stagione. Il "fattaccio" di cui si discuterà a lungo è ovviamente la collisione tra Marc Marquez (Honda Repsol) e Valentino Rossi (Movistar Yamaha) che ha portato al ritiro del fuoriclasse pesarese, inesorabilmente speronato a 3 giri dalla fine dallo spagnolo lanciato in rimonta dopo un precedente ride-through.

Al termine della gara, Marquez, accompagnato dal padre e dal manager Emilio Alzamora, ha provato a presentarsi al box Yamaha per fare personalmente le sue scuse al "Dottore", ma l'entourage di Rossi, nella persona del fido Alessio "Uccio" Salucci, ha provveduto a bloccare prontamente il Campione del Mondo già all'ingresso, costringendolo ad allontanarsi.

Successivamente a questo episodio, la Direzione Gara ha provveduto a sanzionare Marquez per il contatto rifilandogli 30" di penalità nell'ordine di arrivo - abbastanza per estrometterlo dalla "zona punti" - ma questo ha fatto poco per placare l'irritazione di Valentino Rossi per quanto accaduto a Termas de Rio Hondo.

2018-argentina-movistar-yamaha-9.jpg

A "bocce ferme", infatti, il 9-volte-iridato ha poi colto subito l'occasione per attaccare duramente il rivale della Honda:

"Sto bene, ma questa è una brutta situazione. Se prendiamo come esempio quello che è successo questo fine settimana, un incidente può capitare a chiunque - puoi commettere un errore in frenata, puoi toccare l'altro pilota etc. - sono cose che succedono, ma già da venerdì mattina Marquez ha fatto questo a Viñales, a Dovizioso, a me, e poi è successo anche sabato mattina, e oggi è andato addosso a 4 piloti."

"Se inizi a correre in questo modo, il livello fino sale fino al punto di essere molto pericoloso. Se tutti i piloti dovessero correre in questo modo, questo diventerebbe uno sport molto pericoloso e le cose andrebbero a finire male. È una situazione molto pericolosa e spero che ciò che ho detto al direttore di gara Mike Webb li spinga ad assumersi maggiori responsabilità, che qualcuno deve fare qualcosa."

2018-argentina-motogp-1.jpg

La maggioranza degli osservatori ha provveduto a censurare prontamente il comportamento di Marquez nell'occasione del contatto con Rossi, soprattutto alla luce del fatto che lo spagnolo era in quel momento molto più veloce di Rossi e avrebbe potuto attendere comodamente un momento più propizio per superare l'italiano senza arrischiarsi in un'entrata così decisa.

I precedenti "screzi" dentro e fuori la pista tra Marquez e Rossi sono ben noti a tutti i fans della MotoGP, e questo ha certamente spinto Rossi a 'rincarare la dose':

"Ho paura in pista quando corro con Marquez. Oggi mi sono spaventato quando ho visto il suo nome sulla pit-board. io non faccio parte della Direzione Gara, saranno loro a decidere, ma in questo modo lui sta distruggendo questo sport, perché quando vai a 300 km/h in pista devi avere rispetto per i tuoi avversari."

2018-motogp-argentina.jpg

  • shares
  • Mail