MotoGP, Brivio: "Suzuki si aspetta molto da Iannone"

Il Team Manager italiano della squadra ufficiale di Hamamtsu fa il punto della situazione alla vigilia del test MotoGP di Valencia.

davide-brivio-suzuki-2.jpg

Prima dell'atteso test post-gara di Valencia della MotoGP, il Team Manager di Ecstar Suzuki Davide Brivio ha rilasciato alcune interessanti dichiarazioni per quello riguarda l'attuale situazione del team, evidentemente in una fase di transizione dopo il divorzio dai piloti Maverick Vinales e Aleix Espargarò per 'far spazio' ai nuovi acquisti Andrea Iannone e Alex Rins.

Dopo due stagioni 'a tempo pieno' in MotoGP, Davide Brivio pensa che questi avvicendamenti rappresentino l'inizio di un capitolo tutto nuovo per il team factory di Hamamatsu:

"Questi sono giorni molto importante per noi perché ci troviamo ad affrontare importanti cambiamenti. Ufficialmente questo è il primo giorno del campionato 2017 e ci troviamo ad accogliere due nuovi piloti: è un nuovo inizio per noi! Ma abbiamo anche appena finito la nostra ultima gara, quindi abbiamo ancora in mente tutto quanto è successo in questi due anni, in particolare nel 2016, una stagione davvero emozionante per noi".

vinales.jpg

Riguardando alla stagione 2016 conclusa domenica, che ha fruttato a Suzuki la tanto inseguita vittoria con Vinales A Silverstone, Brivio si è detto soddisfatto del lavoro svolto:

"Se ripenso all'inizio di questa stagione 2016, mi ricordo di aver detto che il nostro obiettivo era quello di continuare sempre più vicini ai primi. Abbiamo raggiunto un buon livello prestazionale e abbiamo centrato questo obiettivo in alcune gare, quindi l'obiettivo per il 2017 è quello di essere più continui e di lottare regolarmente per il podio."

"Dobbiamo essere pronti a cogliere le eventuali opportunità che avremo, la concorrenza sarà molto agguerrita, ma mi sembra che la consistenza sarà la chiave per il successo. Abbiamo il potenziale per essere sempre in questa lotta, ed è quello il livello a cui vogliamo arrivare."

davide-brivio-suzuki-1.jpg

Andrea Iannone, che domenica ha conquistato l'ultimo podio con Ducati, arriva nel team con i gradi di 'pilota di punta'. La casa nipponica, conferma Brivio, si aspetta subito grandi risultati dal pilota abruzzese:

"Ci aspettiamo molto da Iannone, lo abbiamo preso perché pensiamo che sia un pilota forte, in grado di vincere le gare. Lo abbiamo messo sotto contratto prima della sua prima vittoria in Austria perché sapevamo già avuto che aveva il potenziale per vincere. Sta a noi dargli un buon pacchetto, una buona moto, con un set-up che soddisfi il suo stile di guida."

"Abbiamo visto anche nell'ultimo weekend il tipo di gara che Iannone è capace di fare, il tipo di combattente che è. Nel nostro progetto, lui è il pilota esperto che può essere subito lottare per il podio e la vittoria."

Per quanto riguarda la moto per il 2017, Brivio ha confermato che non ci sarà un nuovo prototipo ma piuttosto un affinamento dell'attuale Suzuki GSX-RR:

"Non abbiamo intenzione di introdurre una moto completamente nuova per il 2017. La nostra base è già abbastanza buona, proseguiremo con ulteriori miglioramenti passo-dopo-passo. Stiamo lavorando per migliorare il motore: l'anno scorso avevamo un grande divario da colmare a livello di motore, ma quest'anno ci siamo trovati in una situazione diversa in quanto le nostre prestazioni sono state paragonabili a quelle dei concorrenti."

vinales-2016.jpg

Il manager brianzolo ha però sottolineato come questo non impedirà alla moto di progredire durante la pausa invernale grazie ad un mirato lavoro di sviluppo:

"Cercheremo di migliorare ulteriormente, perché i piloti hanno mai abbastanza potenza e anche perché sappiamo che gli altri potranno comunque migliorare e crescere durante questo inverno. Già in questo test ci sarà un primo step, poi avremo un'evoluzione del motore ma non ancora quella finale, che arriverà nel mese di febbraio. Poi stiamo lavorando su alcune parti del telaio per i test di Sepang e Phillip Island, ma saremo molto attenti a questo aspetto: valutaremo se sono veri e propri miglioramenti prima di adottarli."

suzuki-ecstar-2016.jpg

  • shares
  • Mail