MotoGP Indianapolis 2014, Valentino Rossi 9° del venerdì: "Dal 3° posto in poi siamo molto vicini"

Il fuoriclasse di Tavullia rimane fiducioso dopo il primo giorno di libere a Indy: "ma dovrò fare di meglio..". Lorenzo soddisfatto del terzo tempo: "E forse abbiamo trovato la gomma per domenica..."

MotoGP Indianapolis 2014 - Gallery Prove Libere

Le due sessioni di prove libere che oggi hanno inaugurato il weekend del GP di Indianapolis hanno avuto esiti decisamente opposti per Valentino Rossi, che nel volgere di poche ore è passato da un estremo all'altro della Top 10. Nelle FP1 del mattino, il pluri-iridato asso pesarese del team Movistar Yamaha MotoGP aveva infatti chiuso davanti a tutti con il crono di 1'34.535, ma il suo miglioramento nel pomeriggio non è stato affatto proporzionale a quello dei suoi colleghi, tanto che il suo 1'33.598 non gli ha permesso di andare oltre un non certo entusiasmante nono posto.

Come giustamente notato dal 'Dottore' a fine giornata, le posizioni che vanno dal 3° al 10° posto sono in effetti piuttosto ravvicinate dal punto di vista dei riscontri cronometrici - in meno di due decimi, per la precisione - e questo, almeno potenzialmente, sottintende anche un buon margine di miglioramento per Rossi e la sua Yamaha YZR-M1. Per trovare posto nelle prime due file, occorrerà comunque un non indifferente sforzo da parte di tutti.

Guarda la gallery delle prove libere del GP di Indianapolis

Nelle sue considerazioni sulla prima giornata nel 'tempio' di Indianapolis, Valentino Rossi riconosce che, comunque, ci sarà molto lavoro da fare per lui e per gli uomini della sua crew:

"Il nuovo layout della pista è bello: mi piace! E' meglio del vecchio layout, ma soprattutto l'asfalto e la qualità della superficie della pista sono molto meglio, quindi va bene. E' più facile guidare la moto perché c'è più aderenza. Qui è difficile scegliere il pneumatico perché sia ​​la media che la dura non sono male. La gomma morbida è un po' più veloce, ma sarà difficile che riesca a fare tutta la gara, quindi dovremo decidere. Ho provato a mettere la gomma morbida a fine della sessione e ho migliorato il mio tempo sul giro. Dalla terzo posto in poi tutti i piloti sono molto vicini, quindi dovrò fare di meglio!"

Guarda la gallery delle prove libere del GP di Indianapolis

Buone indicazioni per il box Yamaha sono invece arrivate da Jorge Lorenzo, che dopo una sessine mattutina piuttosto anonima si è rifatto nel pomeriggio andando a far segnare un buon 1'33.424, abbastanza per contenere in 542 millesimi il distacco dal best lap di Marc Marquez (Honda Repsol). Questo il commento del campione maiorchino al termine delle sessioni odierne:

"La pista riasfaltata non sembra poi così male. Nelle tre curve che, in passato, erano forse un po' troppo 'lente', per adesso non dobbiamo più utilizzare la prima marcia, quindi non perdiamo troppo in velocità dai nostri concorrenti. L'anno scorso le buche erano un problema abbastanza serio, ma ora il rifacimento della pista le ha fatte sparire. Siamo stati gli unici ad iniziare la seconda sessione di prove con la gomma posteriore morbida, gli altri sono partiti con la dura esata al mattino in modo da poter avere una nuova gomma morbida verso la fine del tuno. Abbiamo provato anche l'opzione dura e non era affatto male, quindi potrebbe anche essere il nostro pneumatico per Domenica".

    Leggi i commenti di Marc Marquez e Dani Pedrosa (Honda)

    Leggi i commenti di Andrea Dovizioso e Cal Crutchlow (Ducati)


Guarda la gallery delle prove libere del GP di Indianapolis


>

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail