SBK/WSS: MV Agusta e Yakhnich si separano

Cosa fatta il divorzio tra la casa varesina ed il team russo. LA wild Card Roccoli sarà in pista a Misano

a:2:{s:5:"pages";a:2:{i:1;s:0:"";i:2;s:49:"SBK: MV Agusta e team Yakhnich vicini al divorzio";}s:7:"content";a:2:{i:1;s:2140:"

SBK 2014 - MV Agusta F4 RR 2014 - Yakhnich

Le voci circolante con insistenza negli ultimi giorni riguardo la separazione tra MV Agusta ed il team russo Yakhnich Motorsport - insieme sia nel Mondiale Superbike che in Supersport - hanno trovato conferma ufficiale e, nei fatti, sarebbe già avvenuta. Già dal round di Misano Adriatico di questo fine settimana, come anticipato dagli ultimi rumors (vedi la pagina seguente di questo post), MV sarà quindi presente probabilmente con un proprio team ufficiale e con la wild card Massimo Roccoli che subentrerà subito a Vladimir Leonov sulla seconda F3 675 del team, andando così ad affiancare Jules Cluzel. In SBK, naturalmente, rimane confermato al suo posto il comasco Claudio Corti.

Dopo la doppia vittoria di Roccoli con la F3 nell'ultima tappa del CIV a Imola, la casa di Schiranna quindi potrebbe puntare anche per il Mondiale WSS su un pilota italiano. Anche se il regolamento della Supersport del CIV è ormai molto vicino a quello di una Stock - e quindi la moto è completamente diversa da quella del Mondiale - molto probabilmente Roccoli salirà già questo weekend sulla MV 675 ex-Leonov e, se tutto andrà per il meglio (sia in termini di risultati che di supporti economici al team), potrebbe anche arrivare al stagione con quella moto.

wss 2014 - MV AGUSTA F3 675 2014 - YAKHNICH MOTORSPORT

CIV Imola 2014 - Round 5 e 6

wss 2014 - MV AGUSTA F3 675 2014 - YAKHNICH MOTORSPORT

";i:2;s:3884:"

SBK: MV Agusta e team Yakhnich vicini al divorzio

MV Agusta Reparto Corse–Yakhnich Motorsport 2014

Fulmine a ciel sereno nel Reparto Corse di MV Agusta: sarebbe infatti ormai imminente la separazione tra la leggendaria casa lombarda ed il team russo Yakhnich Motorsport, un sodalizio nato quest'anno per correre sia nel Mondiale Superbike (con la F4RR e Claudio Corti) che in quello Supersport (con la F3675 ed i piloti Jules Cluzel e Vladimir Leonov). La notizia, affiorata qualche giorno fa grazie al sempre puntuale MisterHelmet - e ripresa solo oggi dalla carta stampata, non ha ricevuto nessun genere di smentita dalle parti coinvolte - né in forma ufficiosa, nè tanto meno ufficiale - ed alla vigilia dell'ormai imminente round di Misano Adriatico sembrerebbe ormai quasi certa.

Le motivazioni che avrebbero spinto la struttura guidata dal finanziere Alexander Yakhnich a seprarsi da MV non sono al momento chiarissime, e questo lascia spazio ad una ridda di ipotesi o possibili concause: la cancellazione del round di Mosca del calendario dei Mondiale WSBK e WSS (di cui Yakhnich era uno degli organizzatori), la situazione politica internazionale, problemi di carattere finanziario e persino il rifiuto da parte di MV Agusta di lasciare entrare i russi nel proprio capitale sociale.

SBK 2014 - MV AGUSTA F4 RR 2014 - YAKHNICH

Al momento si tratta di congetture, ma quel che è certo e che le voci su questa separazione - anche grazie al silenzio sull'argomento da parte dei diretti interessati - assumono sempre maggior consistenza, tanto che un annuncio in tal senso potrebbe essere rilasciato proprio nel fine settimana a Misano.

Nel caso - ormai probabilissimo - che il divorzio si consumi a breve, sembra che MV Agusta proseguirà l'attuale stagione con un proprio team autonomo sia in Superbike, dove Claudio Corti continuerebbe il suo lavoro di sviluppo sulla F4 RR in vista della già annunciata svolta regolamentare del 2015, che in Supersport, dove il francese Cluzel (già vincitore a Phillip Island e altre 3 volte sul podio) è secondo in classifica e può legittimamente nutrire speranze iridate.

wss 2014 - MV AGUSTA F3 675 2014 - YAKHNICH MOTORSPORT

Sarebbe invece fortemente in bilico la posizione di Leonov, uomo-Yakhnich, che quasi certamente lascerà il team (insieme ad alcuni meccanici e altre figure dell'attuale staff) e potrebbe anche continuare a gareggiare in supersport con una Yamaha R6, moto con cui la stessa Yakhnich Motorsport conquistò l'anno scorso il titolo delle 600 con Sam Lowes e con Leonov suo compagno di squadra.

In questo caso, Massimo Roccoli (recentemente autore di una strepitosa doppietta nei rounds 5 e 6 del CIV a Imola con la F3) sembrerebbe il candidato 'numero uno' per rimpiazzare il pilota russo e portare a termine il Mondiale Supersport 2014.

WSS 2014 - PHILLIP ISLAND - LA VITTORIA DI CLUZEL

";}}

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: