Marquez già missile a Sepang: "Ritrovato il feeling con la Honda"

Il fresco Campione del Mondo della MotoGP è il più veloce nel primo test MotoGP dell'anno con il nuovo record della pista e avverte gli avversari: "Domani andrò anche meglio.."

Test MotoGP Sepang 2014 - Day 1

Marc Marquez ha iniziato il 2014 dallo stesso punto in cui aveva chiuso il 2013: davanti a tutti. Il neo Campione del Mondo del team Honda Repsol ha dominato la prima giornata di test ufficiali IRTA a Sepang per quasi tutta la giornata, chiudendo con un ottimo 2'00.286 - non lontano dal 2'00.011 con cui firmò pole position e record della pista nel 2013 - che gli ha consentito di rifilare oltre mezzo secondo di distacco a tutta la concorrenza, guidata un po' a sorpresa da un determinatissimo Valentino Rossi (Yamaha Factory Racing).

Marquez ed il compagno di colori Dani Pedrosa avevano iniziato la giornata sulla versione 2013 della RC213V, per ritrovare confidenza ed essere in grado di fare un paragone con la moto 2014, sulla quale avevano cominciato a girare entrambi già prima di pranzo. Il Campione del Mondo faceva registrare subito un buon 2’00.767 con il quale si piazzava al comando della graduatoria dei tempi, e nel tardo pomeriggio tornava in pista per lavorare su mappature, frizione e anche una nuova gomma posteriore Bridgestone, con la quale ha fatto registrare il suo strepitoso crono finale.

In totale Marc Marquez ha completato ben 52 giri sul tracciato malese, e la sua analisi a fine turno è ovviamente più che positiva:

"Sono contento di come è andato questo primo giorno e di aver raggiunto il mio obiettivo di ritrovare il feeling con la moto. Certo, all'inizio ero un po' rigido, ma poco a poco sono riuscito a prendere il ritmo. Oggi ho testato la nuova gomma posteriore Bridgestone, e mi è sembrata simile a quella dell'anno scorso. Domani continueremo con il nostro programma: lavoreremo sul set-up e cominceremo a trarre le nostre conclusioni. Abbiamo fatto molti giri oggi e sono sicuro che domani lo sentirò: anche se ci alleniamo in palestra durante l'inverno, qui i muscoli lavorano in modo diverso."

Dani Pedrosa è apparso piuttosto sornione per quasi tutta la giornata, restando lontano dalla Top 5 fino all'ultima mezzora. Nelle ultime battute ha poi fatto segnare un 2'00.906 che gli ha permesso di accomodarsi in mezzo alle Yamaha M1 ufficiali, a oltre 3 decimi dal compagno di box. L'esperto spagnolo ha lavorato su freno posteriore, sospensioni, frizione ed elettronica, chiudendo con un totale di 75 giri. Nel suo commento di fine giornata, Pedrosa non sembra rallegrarsi troppo del suo 3° posto:

"E 'stata una giornata lunga e difficile. Abbiamo messo insieme molti giri, e anche se eravamo tutti freschi - perchè oggi è il primo giorno - sono sicuro che domani ne risentiremo. E' stato divertente, non salivo in moto da lungo tempo ed ero curioso di vedere come mi sarei sentito dopo l'operazione dello scorso anno. In generale, le cose sono andate bene. Oggi ci siamo concentrati su freno posteriore, frizione e mappatura del motore, domani lavoreremo sul telaio e sui nuovi pneumatici. La moto nuova sembra molto simile a quella dello scorso anno: abbiamo bisogno di altro tempo per lavorarci sopra, ma sembra che non sarà necessario fare grossi cambiamenti in termini di stile di guida."

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail