Tony Cairoli: "la mia KTM 350 può competere con le grosse. Sul mercato avrà successo"

Cairoli Starcross Mantova 2010

In arrivo dal GP di Bulgaria, il campione del mondo Tony Cairoli risponde ad alcune domande, anche sulla sua KTM 350, spiegando l'importanza del rapporto fra prestazioni e maneggevolezza.

Soddisfatto del risultato ottenuto ieri in Bulgaria?
"La prima prova del Campionato del mondo è sempre una verifica importante,anche se eravamo confortati dai buoni risultati nelle gare pre stagione. La cosa che più mi preoccupava era capire la competitività della nuova 350cc che non era stata mai portata in pista nel mondiale, in particolare in un circuito come Sevlievo ampio e dalle grandi salite dove serve motore. Alla fine posso dirmi molto soddisfatto del risultato. In gara 1 ho dormito un poco in partenza e sono stato costretto ad inseguire, anche perché ho colpito la moto di un pilota che mi era caduto davanti".

La stagione si è aperta subito con un duello tra lei e Nagl, il tedesco usava la 450 ma lei lo ha egualmente battuto in gara 2, come è stato possibile?
"Detto di gara 1 dove non sono riuscito obiettivamente ad avvicinare Nagl, devo dire che nella seconda manche le cose sono andate decisamente meglio, ho spinto da subito per recuperare su Philippaerts e Nagl e li ho passati. La mia vittoria di gara 2 penso sia stata netta, la pista era diventata più difficile ma io non ho avuto alcun problema con la moto che era davvero ben bilanciata. Salire sul podio già alla prima gara non è male ed era il nostro obiettivo ma domenica c’è già Mantova e l’occasione per riprendermela".

Cairoli Starcross Mantova 2010
Cairoli Starcross Mantova 2010
Cairoli Starcross Mantova 2010
Cairoli Starcross Mantova 2010

Proprio da Mantova il 7 febbraio scorso lei ha lanciato il ‘progetto’ 350, correre con una moto più piccola di 100cc e puntare tutto sulla maneggevolezza, una cosa che ha fatto sognare. Perché lo ha fatto?
"La scelta è stata presa insieme al mio team, la squadra De Carli con la quale abbiamo vinto 3 mondiali. Ci è stata offerta questa opportunità, mettere a confronto la grossa 450 con una 350 sperimentale a iniezione elettronica che loro avevano e che stavano sviluppando. La moto mi è piaciuta e l’ho portata subito in gara allo Starcross, nonostante il terreno pesante in teoria favorisse la maggiore cubatura. E’ andata molto bene in termini di affidabilità e risultato.

Per me correre con la 350 è una sfida fantastica e mi stimola moltissimo, tutti i miei avversari sono in sella a moto di 450cc, io devo vincere con un motore più piccolo, ma molto reattivo. La 350cc è molto diverte nte da guidare, al momento non è ancora stata messa in commercio, ma credo che avrà un successo incredibile perché è veramente un gran mezzo anche per chi fa cross solo il sabato e la domenica. Chiudiamo con il GP della Lombardia di domenica, chi vede come avversario più ostico al Tazio Nuvolari?« Spero in una sfida in famiglia con David Philippaerts. Un derby italiano su due manche non sarebbe male per il pubblico di Mantova che è sempre molto caldo. Dovrò però fare molta attenzione anche con il mio compagno di squadra Nagl che parte con la tabella rossa e corre la KTM standard 450 che in Bulgaria è andata molto forte".

Cairoli Starcross Mantova 2010
Cairoli Starcross Mantova 2010
Cairoli Starcross Mantova 2010
Cairoli Starcross Mantova 2010
Cairoli Starcross Mantova 2010
Cairoli Starcross Mantova 2010
Cairoli Starcross Mantova 2010
Cairoli Starcross Mantova 2010
Cairoli Starcross Mantova 2010
Cairoli Starcross Mantova 2010
Cairoli Starcross Mantova 2010
Cairoli Starcross Mantova 2010
Cairoli Starcross Mantova 2010

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: