Ducati Monster 2021: e se sparisse il telaio a traliccio? [Foto spia]

La sport naked per eccellenza, nata dalla matita di Miguel Galluzzi, nel lontano 1993, potrebbe abbandonare il telaio a traliccio che ha contribuito a renderla un'icona di Borgo Panigale.

Ducati, negli ultimi tempi, sta lavorando ad una serie di interessantissime novità, anche eclatanti. L'ultima, in ordine cronologico, potrebbe riguardare Monster.

La sport naked per eccellenza, nata dalla matita di Miguel Galluzzi, nel lontano 1993, potrebbe abbandonare il telaio a traliccio che ha contribuito a renderla un'icona di Borgo Panigale.


La fine di un'epoca


Già, la fine di un'epoca. Perché dalle foto rese note dai britannici di RideApart, si vede perfettamente una struttura in alluminio, che sfrutta il motore come elemento portante, proprio come succede sulla gamma Panigale. La Ducati Monster, per come la conosciamo, ha basato tutto su quel telaio in tubi di acciaio: rimasta invariata dalla nascita fino al 2007, riesce a sedurre gli appassionati, ancora oggi. Riuscirà a conquistare i cuori dei ducatisti con un telaio che ne stravolge l'estetica?

Il propulsore


Con un telaio che sfrutta il motore come elemento portante, dobbiamo aspettarci novità anche dal punto di vista della propulsione del nuovo Monster. Ci possiamo aspettare, dunque, il bicilindrico Superquadro della Panigale V2, visto che il telaio si rifà a quello della sportiva "media", o ancora il grosso e potente 1260 della Multistrada, o, addirittura, il poderoso V4 derivato direttamente dalla superbike Panigale V4 e che equipaggia la nuova super naked Streetfighter V4 e che andrà a spingere la prossima generazione di Multistrada.

Altro particolare che salta all'occhio, a livello di ciclistica, è sicuramente il nuovo forcellone in alluminio, non più monobraccio, e anche sdoppiato. Insomma, una Ducati Monster stravolta. Arriverà nel 2021?

  • shares
  • Mail