Alex Lowes rinasce in Australia: "Ottimo inizio!"

L'inglese della Kawasaki vince Gara-2 di Phillip Island ed è leader della Superbike 2020: "Tante sportellate, è stato difficile rimanere calmi..."

Difficilmente Alex Lowes (Kawsaki Racing Team) avrebbe potuto augurarsi un inizio migliore della sua nuova avventura in Kawasaki nel primo round del Mondiale Superbike 2020. Dopo una pre-season piuttosto in sordina, infatti, il 29enne britannico ha impattato la nuova stagione a Phillip Island incamerando un 2° posto in Gara-1, un 4° posto nella Superpole Race e, dulcis in fundo, una grande vittoria in Gara-2, conquistata in volata per 37 millesimi sul compagno di squadra e campione in carica Jonathan Rea.

Per effetto di questi piazzamenti, Lowes lascia inoltre l'Australia nei panni di leader della classifica iridata con 51 punti, con 12 lunghezze di vantaggio sul connazionale Scott Redding (Aruba.it Ducati), tre volte terzo a Phillip Island, 17 sul vincitore di Gara-1 Toprak Razgatlioglu (Pata Yamaha) e 19 sullo stesso Rea, un esito probabilmente insperato alla vigilia anche da lui stesso.

Quella di oggi è stata la sua seconda vittoria in Superbike dopo quella conquistata nella Gara-2 di Brno 2018 - al primo anno di militanza nel team ufficiale Yamaha - un risultato che Alex Lowes ha ammesso di aver conquistato anche grazie alla strategia di gara, preparata meticolosamente con il suo crew-chief Marcel Duinker.

Considerando la relativamente poca esperienza in sella alla sua nuova Ninja ZX-10RR, l'ex-campione BSB non può che essere entusiasta del lavoro svolto nel weekend:

"La gara è stata dura e non sono partito molto bene. Però sapevo che, quando avrebbe fatto molto più caldo, la cosa ci avrebbe favorito perché Marcel, il mio capo-meccanico, mi aveva costretto a lavorare davvero sodo con le gomme usate durante i turni di libere! Quando il grip è calato, quindi, sapevo che sarei stato più a mio agio in quelle condizioni rispetto ad altri piloti."

"In Gara-2 ci sono state tante sportellate che hanno coinvolto un po' tutti, con Johnny che cercava di controllare il ritmo e Baz che mi ha colpito un paio di volte. È stato difficile rimanere calmi, ma ogni volta che passavo davanti ai box mi dicevo: 'Rilassati, stai calmo, devi solo tenere il passo per altri dieci giri, quindi rilassati, stai calmo.' E alla fine, fortunatamente, avevo un un po' più grip rispetto agli altri e così ho vinto la corsa."

"Per me è stato davvero un ottimo inizio, qui, con Kawasaki. Ovviamente questa pista è un po' particolare e quindi, per ora, devo semplicemente godermi il momento prima di andare in Qatar e ripartire di nuovo. Staremo a vedere che tipo di annata riusciremo a fare, ma per adesso sono davvero contento di come è andato il primo fine settimana."

Il neo-acquisto della Kawasaki sarà chiamato a difendere il suo primato in classifica nel prossimo round di Losail, in programma tra due settimane sotto i riflettori del Qatar (clicca qui per il calendario completo della stagione).

  • shares
  • Mail