Redding vola in Australia: "Ottimo lavoro!"

Il britannico inizia con il piede giusto il suo primo weekend da pilota ufficiale Ducati in SBK: "So che i Ducatisti si aspettano molto da me..."

Scott Redding (Aruba.it Racing – Ducati) ha iniziato nel migliore dei modi la sua prima stagione nel Mondiale Superbike concludendo davanti a tutti la prima giornata di prove libere per il round di Phillip Island, appuntamento inaugurale della stagione agonistica 2020.

Il 27enne inglese della Ducati si è aggiudicato entrambe le sessioni del venerdì anche se la prima è stata pesantemente dalla pioggia mattutina, che ha convinto diversi piloti a rimanere a lungo ai box o a non scendere del tutto in pista.

Nella sessione pomeridiana, con il sole tornato a splendere sulla pista ormai asciutta, Redding ha prima portato a termine con soddisfazione un long-run prima tentare un vero e proprio time-attack, mettendo "a referto" un 1'30.436 che gli ha permesso di precedere di oltre 4 decimi il turco Toprak Razgatlioglu (Pata Yamaha).

Le buone indicazioni raccolte nel Day-1 in Australia con la sua nuova Panigale V4 R sono state accolte con grande entusiasmo dall'asso britannico, che ovviamente si augura di convertire il tutto in risultati "concreti" nelle gare in programma sabato e domenica (clicca qui per orari e copertura televisiva).

Queste le comunque caute considerazioni di un sorridente Scott Redding dopo il venerdì di libere in Australia:

"E' stata una giornata molto positiva anche se nella prima sessione non abbiamo potuto completare molti giri. Abbiamo però fatto un ottimo lavoro, anche perché ho girato praticamente sempre da solo senza poter sfruttare nessuna scia. Il nostro passo-gara è comunque molto buono e questo ci da tanta fiducia."

"Le aspettative per il weekend? Capisco che i 'ducatistid si aspettano molto da me, ma, come ho già detto in precedenza, ci sono molte cose che devo ancora imparare. Non nascondo, però, che salire sul podio domani sarebbe un risultato straordinario per noi."

  • shares
  • Mail