Polestar SLR Electric Concept Bike

Una spartana moto elettrica che sembra una chiavetta USB: è questa l'ultima provocazione del designer brasiliano Arthur Martins

La sconvolgente Polestar SLR è frutto della fervida immaginazione di Arthur Martins, designer di origini brasiliane - poi emigrato negli Stati Uniti - che nel suo curriculum vanta principalmente esperienze in campo automobilistico. Il suo intento dichiarato era quello di applicare il "minimalismo scandinavo" alla realizzazione di una stream-liner, le moto realizzate esclusivamente per i record di velocità, e il risultato, bisogna ammetterlo, è tutt'altro che banale.

La sigla SLR del suo nome significa infatti Salt Lake Runner ("corridore del lago salato", a grandi linee) e sta proprio a sottolineare la sua natura di velocista pura, solo per il dritto, un elemento che ha permesso a Mr.Martins di concedersi alcune licenze puramente estetiche a scapito della funzionalità. Ne sono un esempio la ridottissima luce da terra, le sospensioni ridotte all'osso e la mancanza di un vero e proprio sterzo.

La Polestar SLR è un concept grafico ed è stata immaginata come un'elettrica dalle forme tutt'altro che convenzionali, che sfoggia un aspetto talmente monolitico da farla sembrare un'enorme chiavetta USB, giusto con paio di gomme tassellate alle sue estremità. La sella si trova praticamente a filo del telaio e sotto di essa giace la batteria ricaricabile.

Per rimanere in linea con la sua pulitissima silohuette, la strumentazione è limitata a un minuscolo display vicino alla manopola sinistra, le pedane sono "a scomparsa" nella carena e i 2 gruppi ottici sono costituiti da dalle sottilissime barre luminose poste ad entrambe le estremità della moto, lungo tutto il "bordo" della carenatura.

Come già ribadito, la Polestar SLR è un concept elettrico che, nominalmente, avrebbe un solo scopo: andare veloce in linea retta. Non fa concessioni alla praticità, ma il suo "creatore" ha spiegato nella sua pagina Behance di essere già al lavoro anche su una versione "legale" di questo progetto, senza però spiegare quali modifiche avrebbe in mente. Viste le premesse, terremo sicuramente le orecchie aperte...

  • shares
  • Mail