Dovizioso "impressionato" dalla Ducati 2020

Buone indicazioni per il forlivese nel primo test della pre-season 2020: "Ma per il giudizio definitivo sarà molto importante il test di Jerez..."

Al termine della "due-giorni" di test ufficiali della MotoGP sul Circuito "Ricardo Tormo" di Valencia, un sorridente Andrea Dovizioso (Ducati Team) ha "promosso" il pacchetto di aggiornamenti per la Desmosedici GP che Ducati ha portato in Spagna in vista della stagione 2020.

Il 33enne forlivese - quest'anno vice-iridato della Premier Class per il 3° anno consecutivo - ha completato ben 100 giri nell'ambito delle 2 giornate arrivando a mettere a segno il suo miglior crono nel Day-1 con 1:30.655, buono per l'ottavo posto nella graduatoria combinata dei tempi, mentre nel Day-2 il "Dovi" è stato tra i pochi piloti a non migliorarsi mettendo a segno un 1:31.143 che lo ha relegato fuori dalla Top 10 di giornata.

Ad ogni modo, Dovizioso si è dichiarato soddisfatto del lavoro svolto a Borgo Panigale sulla moto per la prossima stagione, "approvando" il nuovo pacchetto di novità che comprende un nuovo motore più potente, una nuova soluzione telaistica e anche un discusso maxi-codone, più grosso di quello della moto 2019, che pare contenga (tra le altre cose) anche un ammortizzatore inerziale.

Con il compagno di box Danilo Petrucci che non è sceso in pista nel Day-2 a causa di un problema alla spalla, il "Dovi" si è dovuto sobbarcare il lavoro di valutazione e sviluppo insieme al test-rider ufficiale Michele Pirro e con l'australiano Jack Miller (Pramac Ducati), con quest'ultimo che a sua volta ha dichiarato il suo gradimento per tutte le novità provate.

Una volta terminato il lavoro in pista, l'asso romagnolo ha comunque evitato di lasciarsi andare a facili proclami, preferendo un atteggiamento cauto nell'attesa di nuove conferme nel test della prossima settimana a Jerez de La Frontera:

"Oggi era importante deliberare alcuni particolari della nuova moto per il 2020 e per questo abbiamo effettuato diverse comparazioni. Non siamo stati molto veloci, ma oggi non era importante esserlo. E abbiamo potuto provare anche una nuova gomma sperimentale anteriore portata qui dalla Michelin."

"Qui siamo andati piuttosto bene, specialmente nel primo giorno, ma sarà molto importante il prossimo test di Jerez per poter dare un giudizio definitivo sul pacchetto 2020. Valencia secondo me non è una buona pista per dare un giudizio su certi tipi di materiali, ma la prima impressione è comunque positiva."

  • shares
  • Mail