Dovizioso: "Il Sachsenring non favorisce la Ducati"

Il forlivese si prepara al GP Germania, dove Marc Marquez è imbattuto in MotoGP: "Ci attende una sfida, ma ogni gara fa storia a sé..."

Le ambizioni iridate di Andrea Dovizioso (Mission Winnow Ducati) hanno conosciuto diverse battute d'arresto nelle ultime settimane, tanto che alla vigilia del GP di Germania di questo weekend (clicca qui per orari e copertura TV), 8° dei 19 round previsti dal Motomondiale 2019, il forlivese si trova già a -44 punti nel Mondiale MotoGP dall'insaziabile leader Marc Marquez (Honda Repsol).

Nel GP dei Paesi Bassi della scorsa domenica, il "Dovi" ha fatto il possibile per limitare i danni, chiudendo 4° sul traguardo di Assen e "perdendo" così soli 6 punti dallo spagnolo della Honda, 2° dietro a Maverick Vinales (Monster Energy Yamaha), ma anche sul tracciato del Sachsenring il 'ducatista' sarà probabilmente costretto ad un atteggiamento 'difensivo' alla luce del grande feeling di Marquez con il tracciato sassone.

Il Campione del Mondo, infatti, ha vinto tutte e 6 le edizioni del GP di Germania a cui ha partecipato nella Premier Class, e contando anche le classi minori è imbattuto al Sachsenring dal 2010.

Il tracciato tedesco, inoltre, non è storicamente benevolo né nei confronti di Ducati, né nei confronti del "Dovi", che nelle 6 edizioni del GP disputate insieme hanno raccolto solo un podio, ovvero un terzo posto nel 2016. L'anno scorso il binomio tutto italiano non riuscì ad andare oltre il 7° posto, anche se a soli 7" dal vincitore.

In vista del nuovo weekend di gare, Andrea Dovizioso è comunque intenzionato a vender cara la pelle, malgrado le statistiche e la scarsa affinità della sua Desmosedici GP con il tortuoso layout della pista:

"La configurazione del tracciato non favorisce particolarmente la nostra moto, ma le gomme giocano spesso un ruolo chiave nell'esito della gara. Non credo sarà facile battere i nostri avversari, e non mi riferisco solo Márquez, perché probabilmente anche le Yamaha e le Suzuki saranno competitive su un tracciato che gira in senso anti-orario e con così tante curve strette."

"In ogni caso sappiamo che ci attende una sfida, ma ogni gara fa storia a sé e vogliamo fare altri passi avanti su questo circuito. Lo scorso anno il distacco al traguardo non fu grande, ma abbiamo ancora margini di miglioramento. Dobbiamo tenere alta la concentrazione per concludere questa prima fase del campionato con una nota positiva."

  • shares
  • Mail