Bagnaia 2° a Sepang: "Non me l'aspettavo"

Il rookie torinese centra il secondo posto finale nel test della MotoGP a Sepang: "Molto buono il time attack, ma anche il passo non è male..."

Clamoroso acuto di Francesco Bagnaia (Alma Pramac Ducati) nella terza e ultima giornata del test MotoGP di Sepang. Il 22enne piemontese, in costante crescita nella tre giorni di collaudi in Malesia, ha infatti stampato nel Day-3 uno stratosferico 1:58.302 che lo ha proiettato al secondo posto assoluto della graduatoria tempi, a soli 63 millesimi dal best lap e nuovo record della pista di Danilo Petrucci (Mission Winnow Ducati).

Anche se i risultati della pre-season vanno sempre presi "con le molle", per il Campione del Mondo in carica della Moto2 si è trattato comunque di una giornata estremamente positiva, che lo ha visto far segnare i migliori tempi parziali sia nel T3 che nel T4 per partecipare al poker Ducati in vetta alla classifica tempi, precedendo il compagno di colori Jack Miller e l'altro pilota ufficiale Andrea Dovizioso.

Un comprensibilmente soddisfatto Bagnaia ha così commentato la sua sorprendente prestazione di oggi al Sepang International Circuit:

"Sono molto contento, al di là del tempo, per il lavoro che abbiamo fatto: ci siamo portati molto avanti, credo di avere già una buona base per il setting della moto in modo da iniziare bene [il prossimo test] in Qatar."

"Dobbiamo lavorare ancora su alcuni dettagli a livello di elettronica, ma tutto sommato devo comunque ammettere di essere davvero soddisfatto. Il time attack di oggi è stato molto buono, e anche il passo non è male."

Nel corso dei tre giorni, "Pecco" ha lavorato molto sul set-up della moto, in particolare per migliorare in frenata, e i risultati del suo lavoro sono apparsi oggi in tutta la loro evidenza, nonostante un problema intestinale che lo ha costretto ai box nel pomeriggio:

"Purtroppo, quando è arrivato il momento di fare una simulazione di gara, non mi sentivo tanto bene fisicamente, mi hanno detto che si è trattato di una gastroenterite, e per questo non ho potuto girare nel pomeriggio. Mi rimetterò in sesto e la faremo in Qatar."

"In generale il test è stato molto positivo per noi, speriamo di continuare così. Comunque, ogni volta che salgo sulla moto imparo qualcosa di nuovo e questa è la cosa più importante. Sinceramente, oggi non mi sarei aspettato di arrivare nell'1:58, il mio obiettivo era arrivare qui per fare 1:59, siamo andati più forte e quindi tanto meglio. Ma non mi aspettavo di essere così avanti"

  • shares
  • Mail