Ducati: possibile interesse da parte di KTM

Nuovo pretendente per il costruttore italiano Ducati, ovvero il gruppo austriaco KTM che già comprende Husaberg e Husqvarna.

Ducati KTM
In un'intervista rilasciata a "SpeedWeek.com", il manager Stefan Pierer - amministratore delegato di KTM - ha manifestato un possibile interesse nei confronti di Ducati. Infatti, il manager austriaco ha dichiarato che "la Ducati è la Ferrari del motociclismo", sottolineando anche che la Casa di Borgo Panigale sarebbe a proprio agio nel gruppo motociclistico che fa capo a KTM.

Se l'operazione dovesse andare in porto, Ducati affiancherebbe non solo KTM, ma anche Husaberg ed Husqvarna, senza dimenticare la WP specializzata in sospensioni. Ducati è stata acquistata da Audi per 740 milioni di euro, ma Pierer è convinto di poter spuntare un prezzo inferiore perché il gruppo automobilistico Volkswagen è orientato alla mobilità elettrica e non alle moto.

La 'ricetta' di Stefan Pierer per Ducati è la stessa sfruttata per KTM, acquistata nel 1992 con 150 dipendenti e 6.000 moto prodotte, mentre oggi può contare su 5.000 dipendenti per chiudere il 2018 con la produzione di circa 265.000 moto, ovvero il 5% in più rispetto allo scorso anno. L'ultimo 'miracolo' di KTM riguarda Husqvarna, rilevata da BMW nel 2013 con la produzione annua di circa 6.000 esemplari e poi salita fino alle 30.000 unità odierne, anche se tutto ciò ha comportato la chiusura dell'impianto italiano sito in Cassinetta di Biandronno (VA).

L'interesse di KTM nei confronti di Ducati rientra in una serie di obiettivi prefissati da Pierer, ovvero diventare il terzo costruttore motociclistico a livello mondiale dopo le giapponesi Honda e Yamaha nel 2020, nonché estendere la propria gamma oltre i motori monocilindrici e bicilindrici. A tal proposito, ha escluso l'alternativa di MV Agusta, perché considerata troppo piccola. Inoltre, Stefan Pierer ha annunciato che non seguirà il partner indiano Bajaj nel processo di acquisizione del costruttore motociclistico britannico Triumph.

Infine, grazie a Ducati, KTM potrebbe entrare in settori nuovi attraverso i modelli Scrambler, Diavel, Supersport e Panigale. Quest'ultima, soprattutto, consentirebbe al costruttore austriaco di dimenticare la superbike KTM RC8 che non ha raccolto il successo sperato. Per il resto, potrebbero essere sfruttate le economie di scale e piattaforme comuni per modelli simili, come Ducati Monster e KTM Duke o Super Duke, Ducati Hypermotard e KTM Supermoto, Ducati Multistrada e KTM Adventure o Super Adventure.

  • shares
  • Mail