Telepass: prorogato lo sconto moto, ma chi lo usa?

Aiscat e Ministero dei Trasporti hanno rinnovato per altri 12 mesi la tariffazione agevolata per le moto in autostrada, prorogando anche tutti i limiti dello sconto.


04_riduzione_pedaggio_autostradale_motociclisti_casello_telepass.jpg
Gli amanti delle due ruote italiani potranno usufruire per altri 12 mesi, cioè fino all'estate 2019, della "Modulazione tariffaria per motociclisti", lo sconto del 30% sul pedaggio autostradale. E' il risultato del recente accordo da Aiscat (Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori) e Ministero dei Trasporti.

Un accordo che, in pratica, è il copia e incolla della precedente proroga (sei mesi, da gennaio a fine giugno 2018) senza alcuna modifica. Per questo, insieme allo sconto del 30%, vengono prorogati tutti i limiti dell'iniziativa.

Esattamente come la misura precedente, anche questo sconto è riservato a chi acquista un contratto Telepass specifico e non anche a chi preferisce pagare in contanti al casello.

Non basta, inoltre, avere già un contratto Telepass Family: bisogna sottoscrivere un modulo apposito o non si avrà lo sconto e se si posseggono più moto bisognerà sottoscrivere più contratti (ogni contratto è legato a una targa).

Non c'è, quindi, alcun intervento strutturale in favore delle moto in quanto moto: il taglio del pedaggio resta una misura a tempo limitato e le moto continuano ad essere considerati "mezzi a due assi". Quindi allo scadere della proroga, se non ce ne sarà un'altra, torneranno a pagare prezzo pieno.

Con tutti questi limiti non è strano che sono una percentuale da prefisso telefonico di motociclisti abbia oggi scelto di aderire a questa "promozione" di Autostrade e Governo.

Per quanto il ministro dei Trasporti Toninelli abbia commentato il rinnovo dello sconto moto affermando "Sosteniamo chi si muove su due ruote", è chiaro che non è con misure del genere che si favorisce il passaggio dall'auto alla moto.

  • shares
  • Mail