Dovi: Quando Lorenzo è arrivato gli ho detto "Perchè qua?"

"E' il mio quinto anno in Ducati, il mio decimo nel motomondiale. La spinta dei Ducatisti è stato uno dei fattori del perchè siamo tornati competitivi"

Motomondiale 2017 - Alla vigilia del primissimo round di Losail, Andrea Dovizioso racconta qualche piccolo aneddoto in un video realizzato dalla casa di Borgo Panigale.

Per DesmoDovi sarà il quinto anno proprio con gli uomini in Rosso. Andrea era giunto a Borgo Panigale dopo una stagione eccellente con il team Tech-3. Fu un primo passaggio coraggioso per l'italiano, che decise di abbandonare la sua storica collaborazione con Honda per tentare una nuova strada. Un passo indietro - un team clienti, seppur eccellente come quello di Poncharal - per poi tornare ufficiale con Ducati.

Anni di sofferenza, dedizione, crescita passo dopo passo, hanno portato la Desmosedici con Dovizioso in sella a raggiungere il suo massimo splendore in quel di Sepang, quando Andrea conquistò una vittoria agognata e voluta, dopo quella di Iannone in Austria.

Ora si riparte da Losail dove proprio Dovizioso sfiorò l'impresa in un gran premio fantastico nel 2015, alla prima della nuova Desmosedici di Gigi Dall'Igna. Fu una gara risoltasi quasi al photofinish, bissata lo scorso anno. Dovizioso e Losail hanno un rapporto particolare. Che possa coronarsi definitivamente in questo 2017?

Ducati test Sepang Dovizioso

Nel frattempo ecco le sue dichiarazioni:

"E' il mio decimo anno in Motogp, il mio quinto in Ducati, mi aspetto tantissimo da quest'anno, perchè abbiamo lavorato davvero duro negli ultimi quattro anni e siamo diventati davvero competitivi. Adesso il nostro obiettivo è uno, quello di giocarci il campionato. Lorenzo? La prima cosa che ho detto al mio compagno di squadra è stato "perchè qua?"(ride ndr)
Gli ho dato volentieri il benvenuto in famiglia, sono molto contento del suo arrivo. Abbiamo fatto due chiacchiere nel mio ufficio: un prestest nel pretest di Valencia.
Il family feeling c'è davvero in Ducati. E' un team particolare, c'è molto di italiano, ma sopratutto come ho sempre detto facendo qui 4 anni, posso confermare che la spinta dei Ducatisti è stato uno dei fattori del perchè siamo tornati competitivi"

Queste invece le dichiarazioni del pilota forlivese sul GP del Qatar:

“Nei test di dieci giorni fa su questo circuito abbiamo fatto un buon lavoro, e quindi arriviamo alla gara pronti per le diverse condizioni che potremo trovare. Sono contento di aver avuto la conferma delle nostre buone prestazioni e della competitività della nuova moto, per cui possiamo puntare ad un buon risultato. Come sempre all’avvio di stagione abbiamo ancora qualche incognita da risolvere soprattutto in funzione gara, perché in questo circuito non è facile mantenere lo stesso passo per 22 giri e la pista richiede un impegno fisico notevole. Negli ultimi due anni però ho sempre lottato per la vittoria e spero che anche quest’anno mi troverò nella stessa situazione, anche se so che non sarà facile perché alcuni dei nostri rivali hanno un ottimo passo. Sono però davvero ottimista per la gara e quindi punto chiaramente ad una posizione sul podio.”

  • shares
  • Mail