MotoGP 2017: Aprilia Racing Gresini Team svelato a Noale [Foto]

La casa veneta ha presentato ufficialmente la sua squadra ufficiale e la nuova Aprilia RS GP per il massimo campionato di velocità su pista.

Aprilia ha presentato oggi presso il suo Quartier Generale di Noale il suo team ufficiale per il Mondiale MotoGP 2017. Ovviamente presenti, oltre ai vertici aziendali e sportivi del marchio veneto, anche i nuovi piloti che andranno a formare la sua line-up: lo spagnolo Aleix Espargarò e l'inglese Sam Lowes.

Guido Meda è stato chiamato ancora una volta a fare da "maestro di cerimonie" e il nuovo prototipo RS-GP per la MotoGP è stato naturalmente il grande protagonista dell'evento. A dodici mesi di distanza dal suo debutto, la moto italiana sarà chiamata ad un importante esame di maturità quest'anno: l'obiettivo è migliorare i 16 piazzamenti nella top-10 conquistati nel 2016.

aprilia-gresini-motogp-2017.jpg

Il primo a intervenire è stato Roberto Colaninno, Presidente e AD del Gruppo Piaggio, che ha confermato le grandi ambizioni sportive del marchio Aprilia per la nuova stagione:

“Aprilia Racing rappresenta una delle punte di eccellenza tecnologica del Gruppo Piaggio. Le competizioni sono infatti il punto più alto della sperimentazione e dello sviluppo di soluzioni tecnologiche delle quali beneficiano tutti prodotti e tutti i brand del Gruppo."

"Lo scorso anno abbiamo fatto esordire la nostra RS-GP, la prima MotoGP progettata e costruita interamente qui a Noale, e nella seconda metà della stagione la nuova moto ha messo in mostra progressi netti, entrando con regolarità nella top-ten."

aprilia-rsgp-2017-7.jpg

La Aprilia RS-GP 2017 si presenta con una nuova livrea tricolore per celebrare un progetto totalmente e orgogliosamente italiano. La carena è stata disegnata da Aldo Drudi, certamente tra i designer più famosi nel mondo racing. Colanninno ha ribadito la scelta:

"[Per la moto] Abbiamo scelto i colori italiani. Crediamo nei colori della nostra bandiera. Rappresenta tutti noi. Rappresenta ciò che facciamo tutti ii giorni. La moto nasce tutta italiana dalla prima all'ultima vite."

"Devo ringraziare Albesiano per il lavoro fatto, lui sa quanto è importante il "travaso" dal mondo delle gare al prodotto: noi progettiamo scooter e moto, oggetti molto complicati che devono fornire fornire prestazioni, con grande attenzione anche a sicurezza e ambiente. È fondamentale misurarsi nelle corse, nelle gare. È un momento di vera prova dopo tutte le parole. Le gare sono un momento fondamentale, ma non per fare solo un'apparizione. Io comunque non sono mai andato a vedere le corse."

aprilia-rs-gp-2017-3.jpg

Colaninno ha poi puntualizzato gli obiettivi stagionali alla luce di un palmares senza dubbio glorioso:

"Quest’anno vogliamo proseguire nel nostro percorso di crescita, insidiare costruttori che sono in questa categoria da decenni e abbiamo tutto per poter centrare questo obiettivo: uomini, tecnologia, esperienza e tanta passione. La storia sportiva di Aprilia racconta di 54 Titoli Mondiali, la maggior parte, ben 28, conquistati da quando Aprilia è parte del Gruppo Piaggio."

"Una storia di così grandi successi ci impone di lavorare per essere sempre protagonisti con l’obiettivo di continuare ad affascinare e divertire i giovani che da sempre sono il grande patrimonio di Aprilia”.

2017-albesiano-meda-aprilia-racing.jpg

E' stato poi il turno di Romano Albesiano, capo di tutte le attività sportive di Aprilia, che ha così illustrato gli obiettivi per la prossima annata del team Aprilia Racing Gresini:

"Il 2017 inizia per noi con presupposti diversi rispetto allo scorso anno. Sappiamo di avere a disposizione una moto, la RS-GP, arrivata a un buon livello di competitività. Le evoluzioni che abbiamo studiato e applicato in vista della nuova stagione intervengono su tutti gli aspetti, dal peso che è stato ottimizzato, al bilanciamento generale, senza dimenticare le prestazioni del motore e il pacchetto elettronico."

"Una operazione a 360 gradi quindi, ma senza stravolgimenti, vista la buona base di partenza. Vogliamo far segnare un ulteriore passo verso gli obiettivi previsti dal progetto Aprilia in MotoGP. I primi responsi ci hanno confortato, Aleix ha apprezzato la nuova moto e ha le idee piuttosto chiare su quali siano le caratteristiche con maggiore margine di miglioramento, sulle quali lavoreremo nel corso della stagione."

2017-aprilia-racing.jpg

La nuova Aprilia si è già esibita nei primi test invernali dell'anno con una carenatura con alette 'interne', una soluzione già adottata da altre case dopo la messa al bando delle famigerate winglets al termine del 2016. Albesiano ha così spiegato la sua opinione sull'argomento:

"Sulle alette? C'è stata troppa isteria rispetto a un concetto nuovo. Abbiamo già avuto un primo assaggio della nuova carena, per generare più deportanza. Ha dato dei buoni risultati, li stiamo elaborando e stiamo cercando di capire in quali piste potranno tornarci utili. Le riproveremo di nuovo in Qatar: bisogna che possano garantire un flusso senza peggiorare il cx"

"Il reparto corse ha prodotto un grande sforzo durante la pausa invernale, tutti avvertono l'importanza della sfida che stiamo affrontando e la nostra nuova carenatura anteriore è solo l'esempio più visibile della dedizione all'innovazione di Aprilia Racing. Durante i test ci siamo inseriti in un gruppo di moto e piloti molto competitivo, dove pochi decimi possono fare una grande differenza. Il nostro obiettivo, dopo aver dimostrato di poter lottare costantemente nella top-ten, è quello di migliorare ulteriormente".

aprilia-rs-gp-2017-12.jpg

Il 2016 è stato un anno piuttosto problematico per Aprilia, seppur con un finale di stagione 'in crescendo'. Albesiano si è detto sicuro che l'esperienza fatta sarà comunque molto utile in questa stagione:

"Il 2016 è un anno in cui siamo arrivati "un po lunghi" con un progetto nuovo. Abbiamo sofferto all'inizio con la nostra moto, ma durante la stagione l'abbiamo capita meglio. Il motore è cresciuto tanto. La moto 2017 è una sua evoluzione che pare funzioni piuttosto bene. Non è mai semplice fare un passo avanti, è più facile confondersi. Il lavoro è stato fatto sulla concentrazione delle masse, alzando il baricentro rispetto a prima. La moto è sicuramente un passo avanti ora. I piloti in Qatar troveranno anche un motore più potente, con una coppia più regolare."

"L'obiettivo di Aprilia non è partecipare, è vincere. E' chiaramente questo il nostro progetto. Puntiamo alla top-5 e poi si vedrà. Sarà una stagione strana, prevedo che i distacchi saranno minori. Sarà facile salire o scendere di diverse posizioni, noi dovremo essere bravi a capire le situazioni per avere il miglior passo gara possibile!"

aleix-espargaro_aprilia-rs-gp-2017-10.jpg

Lo spagnolo Aleix Espargarò è il "pilota d'esperienza" a cui Aprilia affida le sue sorti per la stagione che inizierà in Qatar alla fine di questo mese. Il 27enne di Granollers si è detto decisamente pronto alla sfida:

"Sono contento di svelare la nuova livrea che utilizzeremo quest'anno. E' sempre bello dare l'inizio ufficiale ad un nuovo progetto, specialmente perché ho molta fiducia nel lavoro di Aprilia Racing e del team."

"Sarà sicuramente una buona stagione, abbiamo ancora tanto da migliorare ma siamo indubbiamente partiti con il piede giusto. C'è voglia di crescere, abbiamo obiettivi precisi e per raggiungerli sia io che la squadra metteremo in pista tutte le nostre energie. Non ci resta che affrontare la prima gara in Qatar e confrontarci con i nostri avversari".

aprilia-test-motogp-australia-2017-40.jpg

E la convivenza con il nuovo compagno di box Sam Lowes, dopo i primi test invernali, sembra procedere all'insegna dell'armonia:

"Il rapporto con Lowes nel box va bene: non siamo tanto diversi, siamo due persone a cui piace divertirsi. E' dall'inizio che parliamo tanto, anche se siamo in due momenti diversi della nostra carriera: lui è all'esordio in MotoGP mentre io ho una certa esperienza. Vogliamo fare squadra e ci aiuteremo tanto a vicenda"

"In Qatar ci sarà il test più importante, saranno tre giorni su una pista più "normale" rispetto a Phillip Island. Su ogni pista abbiamo fatto uno step e portato qualcosa di nuovo da provare. Non è facile avvicinarci ancora di più ai primi, ma io sono molto carico e non vedo l'ora di tornare in pista in Qatar. La cosa più importante è sempre il passo-gara, ma noi abbiamo già fatto qualche simulazione e io ne sono stato molto contento."

aprilia-rsgp-2017-3.jpg

Il rookie britannico Sam Lowes è altrettanto impaziente di iniziare la sua avventura da pilota factory Aprilia, squadra che si appoggia alla struttura team Gresini con il quale il 26enne di Lincoln ha corso lo scorso anno in Moto2:

"Prima di tutto sono felice di far parte di questa grande famiglia molto legata alle corse, con una prestigiosa storia di successo come Aprilia Racing. Non vedo l'ora di tornare in pista in Qatar, credo di essere arrivato durante i test invernali ad esprimere l'85% del nostro potenziale, dalla prima gara voglio definire una buona base su cui poi lavorare migliorando passo dopo passo fino a Valencia."

"Puntiamo alla zona punti da subito per poi inserirci nella top-ten e iniziare a lottare per qualche piazzamento importante in MotoGP. Credo in me stesso e credo totalmente nel potenziale della mia moto e del mio team".

sam-lowes_aprilia-rs-gp-2017-8.jpg

Interrogato da Meda sulle sue prime impressioni in merito alla nuova categoria, l'ex-iridato della Supersport si è detto ovviamente entusiasta dell'opportunità di correre in MotoGP:

"Il passaggio in MotoGP è stato un grande step per me, ma è importante completare questa transizione nel modo migliore e più velocemente possibile. Anch'io non vedo l'ora di andare in Qatar, abbiamo finito bene i test a Phillip Island e sono impaziente di ricominciare a lavorare."

"Penso che la moto nuova sia molto buona e voglio fare bene al mio primo anno. Ci sono tanti altri rookie da affrontare, ma io voglio stare davanti e migliorare costantemente il più possibile. Zarco e Folger sono molto veloci e saranno al primo anno in MotoGP come me. Sono sempre stati veloci, ma questo è buono anche per me perché ero al loro livello in Moto2 e questo mi permetterà di capire i miei progressi."

aprilia-rsgp-2017-6.jpg

Anche il Team Manager Fausto Gresini ha preso la parola per ribadire ulteriormente la grande fiducia della sua struttura nel progetto di Aprilia per la classe regina del Motomondiale:

"Ci avviciniamo alla stagione 2017 consapevoli di poter contare su una buona base di partenza: nei test svolti a Sepang e a Phillip Island squadra e piloti hanno lavorato molto bene. Da un lato un determinato Aleix si è subito dato molto da fare in sella alla nuova RS-GP, ricavandone ottime sensazioni e fornendo indicazioni importanti per indirizzare lo sviluppo tecnico, che ovviamente è incessante e coinvolge tutte le aree della moto."

"Dall’altro lato, Lowes ha compiuto progressi significativi, avvicinandosi sensibilmente al compagno di squadra in termini cronometrici. Sam sta affrontando questa nuova avventura con lo spirito giusto, puntando ad accumulare la necessaria esperienza. La nuova RS-GP è molto bella e tutti noi non vediamo l’ora di vederla in azione nei nuovi colori: siamo pronti a una nuova eccitante sfida assieme ad Aprilia Racing”.




  • shares
  • Mail