Ducati Monster 1200 S MY 2017

Tre anni fa il Monster 1200. Oggi Ducati, in conseguenza anche all’aggiornamento Euro4, affina e migliora – non solo tecnicamente – il suo 1200 standard e 1200 S.

Sono passati tre anni dall’introduzione di quello che è stato il primo Monster 1200. Una piccola grande rivoluzione che oggi, al Salone Eicma di Milano, si presenta con una prima revisione, un primo aggiornamento. Il motivo è presto detto: in primis l’aggiornamento tecnico alla nuova normativa Euro4. Questo non ha impedito agli uomini di Borgo Panigale di dare una rinfrescata generale a questa hyper naked.

Ed allora ecco infatti degli aggiornamenti estetici come il serbatoio, in acciaio, snellito e riavvicinato a quello che era il precursore, quell’icona del 1993 che fece storia. Si è provveduto a recuperare il concetto del gancio di fissaggio nella zona del cannotto di sterzo, ad esempio. Anche il codino è stato completamente rivisto in una salsa più sportiva, rimanendo comunque fedele a quel concetto minimal che ha decretato il successo negli anni del Monster.

Motore ed elettronica

E’ chiaro che l’aggiornamento più grande è passato per il motore, con il consueto pacchetto di gestione elettronica. Ecco dunque l’ultima evoluzione del Testastretta 11° DS, che aumenta i benefici in termini sia di potenza che di coppia massima. E da qui ecco una novità: stesso paradigma per il Monster 1200 e per il 1200 S: 150 cavalli a 9250 giri/min. Un aumento prestazionale rispettivamente di 15 e 5 cavalli. Aumentato anche il valore di coppia massima che arriva ora a 126,2 Nm a 7.750 giri/min. Di conseguenza è stato anche ricalibrato il sistema Ride-by-wire per un’erogazione ora più fluida e regolare. Modifiche hanno investito anche lo scarico, più snello e più vicino esteticamente anche al Monster 1200R.

Aggiornamenti anche per il pacchetto elettronico. Se da un lato rimangono i tre riding mode precedenti – Sport, Urban e Touring – dall’altro ecco una nuova piattaforma inerziale per introdurre anche l’ABS in modalità Cornering, con un controllo di trazione ora più preciso e raffinato, oltre al sistema anti impennata DWC.

Ciclistica

ducati-monster-1200-s-2017-03.jpg
Ciò che non cambia è la base ciclistica con un telaio a traliccio che sfrutta il motore come elemento stressato. Questi a sua volta supporta ovviamente il forcellone monobraccio e le pedane del pilota. Per quanto concerne le sospensioni, qui la differenziazione tra versione base e S si fa più marcata. La prima si affida a KYB davanti per la forcella, mentre il mono posteriore è un Sachs, con un impianto frenante con dischi da 320 mm e pinze monoblocco M4.32. La versione S invece, ha dalla sua il comparto Ohlins con steli da 48 mm e monoammortizzatore sempre di casa Ohlins. A frenare ci pensa dischi Brembo da 330 mm con pinze monoblocco Brembo M50. Distinzioni anche per i cerchi: a tre razze a Y per la S al posto delle più classiche 10.

Ultima distinzione è puramente cromatica: il Monster 1200 si mostra con il classico Rosso Ducati con telaio rosso e cerchi ruota neri. Il 1200 S, oltre alla colorazione della standard, è disponibile con la Liquid Concrete Grey con telaio nero e cerchi ruota neri. Differenza di prezzo tra le due versioni? 13.990 per la standard, 16.890 per il 1200 S.

Ultime notizie su Ducati

Tutte le novità Ducati. 1198, 848, Multistrada 1200, Monster, con le ultime foto spia, concept, prezzi, prestazioni, schede tecniche, modelli storici e d'epoca, prove su strada, presentazioni, commenti e anteprime

Tutto su Ducati →