Test MotoGP: buon finale per la Kawasaki

Randy De Puniet


Si sono chiusi da poche ore i primi test ufficiali Motogp e la squadra ufficiale Kawasaki, a parte un po' di sfortuna, puo' tirare un sospiro di sollievo.

Randy De Puniet è riuscito a strappare la sesta posizione assoluta, compiendo la bellezza di 96 giri, mentre Olivier Jacque dopo pochi giri ha deciso di non forzare troppo per non compromettere la sua condizione fisica.

Randy si è concentrato soprattutto sulla scelta delle migliori coperture Bridgestone, in vista della prima gara di campionato, ed anche se non completamente soddisfatto è riuscito ugualmente ad abbassare di circa un secondo il tempo fatto registrare lo scorso anno con la 990.

Il team Kawasaki farà una piccola pausa, per poi partire nuovamente alla volta di Jerez, dove dal 23 Febbraio inizieranno gli utlimi test pre-campionato.

Seguono le dichiarazioni dei piloti e del direttore corse Kawasaki Ichiro Yoda.


Randy de Puniet: (96 giri - miglior tempo 1' 56.753) "E' stato un giorno lungo e stancante, con quasi 100 giri totali! Nel pomeriggio abbiamo effettuato una simulazione di gara, seguita da un'altra simulazione, ma con la metà dei giri, e devo dire che i tempi non sono stati male. Dobbiamo ancora migliorare il nostro livello prestazionale da metà gara in poi. Con la copertura posteriore siamo soddisfatti, mentre per quella anteriore dobbiamo ancora fare delle valutazioni per la gara. Ho avuto un tirmo costante e, se non avessimo avuto i problemi con il pneumatico anteriore, sarei riuscito ad abbassare il tempo di altri tre o quattro decimi. A parte tutto, è stato molto produttivo fare le simulazioni gara. Abbiamo ancora del lavoro da fare con le prestazioni della moto e quelle delle gomme, ma siamo sulla strada giusta".

Olivier Jacque: (12 giri - miglior tempo 2'02.081) "Questa mattina pensavo di essermi ripreso e di avere le forze per poter guidare bene, ma non appena salito in sella mi sono acorto che non era il caso. Mi sono sentito subito stanco, avevo qualche problema con la vista e non riuscivo a guidare al meglio. Sarebbe stato troppo rischioso continuare, così abbiamo deciso di interrompere la sessione di prove per non peggiorare la situazione. Sono molto dispiaciuto, perchè questo tracciato mi piace molto e avrei potuto fare bene. Comunque è andata così, ora il mio obiettivo sono solo i prossimi test di Jerez, dove voglio cercare di dare il massimo".

Ichiro Yoda: "Il mio giudizio globale su questa tre giorni è positivo. Abbiamo trovato un buon set up di base, che ci permetterà di partire con il piede giusto. La cosa più importante è stato non avere grossi problemi generali, sia a livello di elettronica che di meccanica. Anche la Bridgestone ha fatto un ottimo lavoro, portanto tanti tipi di pneumatici che ci hanno permesso di milgiorare ogni giorno. Abbiamo già scelto la copertuta posteriore per la gara, ma abbiamo ancora qualche dubbio sulle coperture da qualifica che cercheremo di risolvere a Jerez. Sfortunatamente Olivier è riuscito a girare bene solo per una giornata, un vero peccato perchè il suo lavoro di test è fondamentale per noi. Spero sia in forma al 100% per i prossimi test ufficiali".
via | Kawaski Racing Team

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: