MotoGP, Cal Crutchlow: "Devo migliorare, ma ho fiducia in Dall'Igna per la Ducati 2015"

Dopo la conferma in Ducati per il 2015 ufficializzata al WDW2014, l'inglese spiega la decisione di restare sulla rossa anche il prossimo anno: "Tutti i piloti Ducati migliorano il secondo anno..."

01 cal

Tra gli annunci rilasciati da Ducati in occasione del World Ducati Week 2014 c'è stato anche quello della conferma definitiva di Cal Crutchlow nei suoi ranghi per la stagione MotoGP 2015. Il pilota britannico, quest'anno alla sua prima stagione da 'Ducatista', ha incontrato delle innegabili difficoltà nella prima parte della stagione ad adattarsi alla notoriamente bizzosa Desmosedici, ma allo stesso modo nutre grande fiducia nel lavoro di Gigi Dall'Igna, boss del Reparto Corse bolognese che, come lui, si è unito alla squdra solo lo scorso inverno.

In alcune recentissimi dichiarazioni raccolte dal sempre puntuale MCN, il 28enne di Coventry - fresco reduce da una operazione ad entrambe le braccia che gli ha impedito di partecipare attivamente ai festeggiamenti del WDW2014 -ha parlato delle sue difficoltà di adattamento alla GP14, sottolineando la necessità da parte sua di 'migliorarsi' per trovare il giusto feeling con la moto.

Guarda le Foto della gallery 'MotoGP Germania 2014'

Queste le dichiarazioni rilasciate dal Cal Crutchlow alla testata britannica:

"Non penso che la moto di quest'anno sia drasticamente migliorata, penso invece che siano migliorati il 'Dovi' e Iannone. La moto non è molto meglio perché Gigi non ha avuto il tempo per lavorarci, ma io sono già eccitato per il progetto del prossimo anno: non vedo l'ora di dare tutto me stesso, e sono certo che anche loro [Ducati] daranno tutto quello che hanno."

"So che devo anche migliorare il mio stile di guida. Non posso star qui a dire che sarò veloce quando Gigi costruirà una buona moto. Questa non è la mia annata migliore, ma nelle corse ci sono anni buoni e altri meno buoni. Io non conosco nessun pilota tranne Marc (Marquez) che ha fatto un anno perfetto. Ho avuto un brutto anno anche nel 2011, quando sono arrivato in MotoGP, poi ho avuto un paio di anni buoni e questo, al momento, è un altro brutto anno."

Guarda le Foto della gallery 'MotoGP Germania 2014'

Crutchlow ha detto che non ha paura di ammettere che lui continua a non capire come sfruttare al meglio il potenziale fuori della Desmosedici, anche se tale potenziale non è abbastanza buono per lottare per il podio su base regolare.

"Non ci sono molti momenti nella mia carriera in cui ho detto che avevo bisogno di capire meglio la moto. Quest'anno rispecchia un po' il 2011, quando sono arrivato in MotoGP e non sapevo tante cose. Io non sono tonto, ma sembra abbia delle difficoltà a capire certe cose nel primo anno. Non ho nessun problema a dirlo. Mi ci era voluto un anno per conoscere le gomme Bridgestone e la MotoGP, e mi ci vorrà un anno per capire questa moto. Ma è stata la stessa cosa per tutti i piloti che sono saliti sulla Ducati: il primo anno è sempre stato difficile, poi sono migliorati nel secondo".

Guarda le Foto della gallery 'MotoGP Germania 2014'

  • shares
  • Mail