Agostini o Hailwood? Lorenzo sceglie Valentino Rossi

Curioso siparietto durante la conferenza stampa di ieri a Misano: alla domanda su chi sia stato il miglior pilota tra le due leggende degli anni 60 e 70, Rossi sceglie Ago e Lorenzo sceglie Rossi, mentre Marquez...

Durante la rituale conferenza stampa ufficiale che ieri ha 'aperto i lavori' per il GP di San Marino e della Riviera di Rimini, un giornalista inglese ha posto ai presenti - i piloti Marc Marquez, Jorge Lorenzo, Valentino Rossi ed Andrea Iannone ed i boss di Honda e Yamaha Livio Suppo e Lin Jarvis - una domanda tanto semplice nell'esposizione quanto difficile nella risposta: "Giacomo Agostini o Mike Hailwood?".

Certo non si tratta di un quesito esattamente nuovo - il confronto tra questi due mitologici piloti del secolo scorso ha animato le discussioni degli appassionati per decenni - ma vederlo riproposto ai moderni eroi della MotoGP ha rappresentato una variante inedita sul tema, che è iniziato subito con qualche grattamento di testa per l'imbarazzo...

Da una parte Giacomo 'Ago' Agostini, 15 titoli mondiali tra MV Agusta e Yamaha (record assoluto) e indiscussa icona del motociclismo mondiale, dall'altra l'indimenticato ed indimenticabile Stanley Michael Bailey 'Mike' Hailwood, 'solo' 9 Mondiali vinti e autore di altre imprese leggendarie (in particolare il suo trionfo al TT F1 del 1978, ormai 38enne, ad oltre 10 anni dal ritiro dal motociclismo per perseguire una carriera su quattro ruote).

Giacomo Agostini e Mike Hailwood
Giacomo Agostini e Mike Hailwood
Giacomo Agostini e Mike Hailwood
Giacomo Agostini e Mike Hailwood

Il primo a rispondere è stato il più vecchio tra i piloti presenti Valentino Rossi, anche lui con 9 titoli iridati in bacheca e da molti considerato l'unico pilota dell'era moderna che al momento potrebbe essere messo sullo stesso piano di questi due 'mostri sacri':

"Sono sì più vecchio di questi ragazzi, ma sfortunatamente non abbastanza per aver visto correre 'Ago' e Hailwood. e' una domanda difficile: 'Ago' ha vinto di più, ma per molta gente Hailwood è stato il pilota che faceva la maggiore differenza.. ma visto che sono italiano, dico Agostini."

La rispotta che non ti aspetti arriva dal compagno di squadra di Rossi, il Campione del Mondo in carica Jorge Lorenzo:

"Posso dire Valentino? Non ho visto gare di Hailwood o di Agostini, ma conosco Giacomo ed è molto amichevole e simpatico, per cui direi Agostini, ma ho avuto l'onore di correre con Valentino e per me lui è uno dei più grandi, e se dovessi scegliere tra questi 3 direi Valentino."

Giacomo Agostini e Mike Hailwood
Giacomo Agostini e Mike Hailwood
Giacomo Agostini e Mike Hailwood
Giacomo Agostini e Mike Hailwood

Ci prova poi Livio Suppo, Team Principal di Honda Repsol:

"Non ho mai incontrato Hailwood ma conosco Agostini piuttosto bene, quindi non posso avere dubbi: Giacomo."

Più articolata la risposta di Lin Jarvis, Managing Director di Yamaha Factory Racing:

"Io sono probabilmente il più vecchio quì, compresa gran parte del pubblico, ma li ho visti correre insieme solo una volta. Quando avevo 8 anni mio padre mi portò con se sul traghetto da Liverpool all'Isola di Man [per il Tourist Trophy], e quella fu la prima corsa su strada che io abbia mai visto. Eravamo andati a vederla in cima a Bray Hill [nel primo miglio del tracciato del TT], e c'era questo incredibile ruggito di motori, con le moto che passavano velocissime ed io che ero li, immobile a guardarle. Quello che facevano era pura pazzia, e quella fu l'unica volta che sono riuscito a vederli correre entrambi. Ovviamente ero troppo giovane per valutare il loro talento e la loro abilità... Non ho mai incontrato Mike Hailwood, ma sono riuscito a conoscere e ad apprezzare moltissimo Giacomo, quindi anche per me la scelta non può che ricadere su Giacomo."

Dritto al punto invece - anche per ragioni 'linguistiche' - Andrea Iannone, pilota del team Ducati Pramac Racing:

"Ago. Per me è molto difficile da spiegare a parole perchè il mio inglese è un pò limitato, ma almeno sono rapido: Ago!"

Per ovvie ragioni anagrafiche, la domanda risulta ancora più difficile per il 20enne Marc Marquez, che infatti se la cava con una battuta:

"Beh, visto che tutti dicono 'Ago', dico 'Ago' anch'io [risate]. Ad essere sincero non posso rispondere davvero, perchè non conosco le corse di quel periodo, ma non ci sono dubbi che Ago sia una delle figure più importanti del mondo del motociclismo."

Giacomo Agostini e Mike Hailwood
Giacomo Agostini e Mike Hailwood
Giacomo Agostini e Mike Hailwood
Giacomo Agostini e Mike Hailwood
Giacomo Agostini e Mike Hailwood

Il tutto quindi si è risolto con un plebiscito a favore del mitico 'Mino', anche se molti ammettono di dare il proprio voto più per una questione di 'cortesia' nei confronti di Agostini (tra l'altro presente in prima persona a Misano) che per una effettiva conoscenza delle 'gesta' dei due. Naturalmente, nessuno o quasi dei presenti ha avuto occasione di conoscere il mitico 'Mike The Bike' (che in molti lettori più avanti con gli anni ricorderanno anche per aver 'salvato' lo svizzero Clay Regazzoni nel GP del Sud Africa di F1), deceduto in seguito ad un incidente stradale nel 1981 a soli 40 anni, ma la sua leggenda è counque arrivata intatta ai giorni nostri.

Il dubbio sollevato da Jorge Lorenzo però ci da uno spunto per rivolgere la stessa domanda ai nostri lettori: chi è stato il più grande? Giacomo Agostini, Mike Hailwood, oppure - come sostiene il Campione del Mondo - Valentino Rossi? Si tratta forse dei tre personaggi che più hanno segnato la storia del Motomondiale (senza sottovalutare naturalmente l'importanza dei vari Duke, Surtees, Masetti, Read, Sheene, Roberts, Spencer, Lawson, Rainey, Doohan etc.), ma quali dei tre è considerato al momento il più grande? A voi, tramite il nostro sondaggio, l'ardua sentenza:

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: