WSBK: piloti in ospedale per il Team SBK Ducati Alstare

WSBK Test Phillip Island - Day 2

Non si può certo dire che la buona sorte sia stata particolarmente benevola con il neonato Team SBK Ducati Alstare in questi primi due giorni di test a Phillip Island: prima il blocco intestinale che ha colpito Carlos Checa nella notte precedente alla prima giornata, poi il brutto incidente capitato oggi ad Ayrton Badovini hanno fatto sì che entrambi i piloti del team - anche se per ragioni diverse - si trovino attualmente in ospedale per ricevere le terapie del caso. La buona notizia comunque è che entrambi i piloti dovrebbero recuperare in tempo per la prossima giornata di test, in programma lunedì.

Badovini oggi è stato vittima di uno spettacolare high-side a circa 180 km/h alla Curva 9 del tracciato australiano, dopo il quale la sua Ducati 1199 Panigale ha addirittura preso fuoco. Il pilota è rimasto sul prato per diversi minuti, tanto che inizialmente si temeva per un possibile infortunio alle costole, ma successivi accertamenti all'Ospedale di Melbourne (dove è stato trasportato in elicottero) hanno escluso complicazioni tali da impedire al 26enne biellese di tornare in sella già lunedì.

Con entrambi i suoi piloti momentaneamente fuori uso, è toccato al team manager Francis Batta offrire un resoconto sulle prime due giornate del test di Phillip Island da parte del team:

"E’ la prima volta che tutto il team lavora insieme, cioè con tutti i meccanici insieme, e anche se la moto è nuova e molto diversa rispetto alle altre Ducati, sono molto contento di come stia andando questo progetto. E’ un progetto complesso ma bello e siamo pronti a portarlo avanti nel miglior modo possibile."

WSBK test Phillip Island - Giorno 1

"E’ un peccato che Carlos non abbia potuto girare. Ha avuto qualche problema di stomaco il giorno dopo il suo arrivo in Australia. Forse a causa del jet-lag o dell’aria condizionata. E’ andato in ospedale ma non si sono rilevati grossi problemi e dovrebbe tornare per i prossimi test e per la gara. Ayrton ha fatto un buon inizio. Ha lavorato con calma e usando la testa ha continuato a migliorare. Ci ha dato molti feedback. Peccato che sia caduto e che non abbia potuto continuare. Anche lui e’ in ospedale dove ci hanno confermato che non ha problemi fisici. E’ un po’ frustrante perché non abbiamo potuto fare tutto quello che avevamo in programma ma sono felice della collaborazione che c’e’ stata con Ducati in questi giorni e non vediamo l’ora di tornare in pista la prossima settimana."

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: