Morbido Re a Valencia: “È la vittoria più bella”

L’italiano di Petronas Yamaha coglie il suo terzo successo stagionale in MotoGP ed è secondo nel Mondiale: “Battaglia bella e pulita con Miller”

Terza vittoria stagionale per uno splendido Franco Morbidelli (Petronas SRT Yamaha) nel GP della Comunitat Valenciana, penultimo appuntamento stagionale della MotoGP e round che ha incornato Campione del Mondo 2020 lo spagnolo Joan Mir (Ecstar Suzuki).

Dopo aver conquistato una strepitosa pole position nelle qualifiche di ieri, il “Morbido” è scattando velocissimo allo spegnimento dei semafori di Valencia per iniziare a dettare sin da subito l’andatura, una progressione impressionante a cui solo l’australiano Jack Miller (Pramac Ducati) ha saputo resistere.

Morbidelli ha condotto la corsa per quasi tutta la sua interezza, ma il duello tra i due si è risolto nell’ultimo giro: sfruttando la potenza del motore Ducati, Miller riusciva infatti ad infilare il romano subito alla prima curva, ma l’alfiere Yamaha era pronto a rispondere poche decine di metri dopo riprendendosi quel primo posto che avrebbe poi difeso con successo fino al traguardo, rintuzzando prontamente i successivi e continui tentativi del rivale.

Con i 25 punti conquistati oggi sul tracciato spagnolo, Morbidelli è così salito a quota 142 punti per assestarsi al secondo posto della classifica iridata, a -29 dall’ormai irraggiungibile Mir ma con 4 lunghezze di vantaggio sull’altro pilota ufficiale Suzuki Alex Rins, con cui dovrà presumibilmente giocarsi il titolo platonico di vice-campione nell’ultimo round di Portimao.

Queste le parole con cui un sorridente Franco Morbidelli ha commentato la sua sontuosa vittoria sul tracciato intitolato a Ricardo Tormo, sul quale in precedenza era finito una sola volta sul podio nel 2017, anno del titolo in Moto2:

“È stata la più bella vittoria dell’anno, forse anche la migliore della mia carriera! È stata una gara complicata: ho sentito di avere un buon potenziale per tutto il weekend, ma poi, in gara, abbiamo optato per la gomma anteriore dura e così ho dovuto cambiare leggermente il mio stile di guida.”

“Non sono riuscito a staccare Jack [Miller] come avrei voluto, nonostante ci abbia provato a lungo, perché sapevo che sarebbe stato un osso duro se si fosse avvicinato troppo a me. Si è trattato di dare anche più del massimo nell’ultimo giro, ed è proprio quello che abbiamo fatto entrambi.”

“E’ stata una battaglia davvero bella e pulita: mi è sempre piaciuto lottare contro Jack perché lui è duro ma pulito nelle sue entrate, ed oggi era proprio forte, quindi complimenti a lui.”

“Sono molto contento della vittoria di oggi, quindi voglio ringraziare anche la squadra. E colgo l’occasione per fare le mie congratulazioni a Joan [Mir] per aver vinto il titolo mondiale: è stato davvero forte quest’anno.”

I Video di Motoblog