Aprilia RS 660 in versione racing: che sound! Pronta per un monomarca?

In video la RS 660 mostra il suo "lato B", caratterizzato da un bellissimo impianto di scarico SC-Project che le dona un sound meraviglioso e sprigiona delle fiamme affascinanti

Che sound avrebbe una Aprilia RS 660 preparata per la pista? Se questa è la domanda che vi ha costretti a notti insonne negli ultimi tempi, eccovi accontentati: godetevi il video pubblicato da Gabriele Malara su Facebook.

A pochissimi giorni dal lancio ufficiale della prima moto basata sulla nuova piattaforma 660 di Aprilia, sui social arriva un video che mostra la sportiva media in versione Trofeo. In video la RS 660 mostra il suo "lato B", caratterizzato da un bellissimo impianto di scarico SC-Project che le dona un sound meraviglioso e sprigiona delle fiamme affascinanti.

Le sovrastrutture sembrano studiate appositamente per la pista, senza ulteriori fronzoli utili su strada, ma non sappiamo nulla dal punto di vista dei dettagli tecnici: siamo certi che la messa a punto apportata contribuirà ad aumentare la potenza di serie, che al momento è di 100 cv, sfruttando sospensioni e freni di natura racing.

Monomarca in vista?


E dopo il Campionato Italiano FMI Aprilia Sport Production, che accoglie ragazze e ragazzi dagli 11 anni da proiettare ai vertici della categoria e che ha visto protagonista la piccola RS 250 SP sviluppata in collaborazione con Ohvale, potrebbe essere il momento di un Trofeo monomarca dedicato alla nuova RS 660.

Un Trofeo che potrebbe essere visto come un secondo step, dopo quello per i giovanissimi, per l'approdo a categorie superiori, affinché la casa di Noale possa tornare a coccolare i campioni del futuro. Non dimentichiamoci, infatti, che la categoria Sport Production di Aprilia fu il trampolino di lancio di tantissimi campioni del motociclismo moderno che conosciamo un po' tutti. Non a caso, a Noale possono vantare una collezione di ben 54 Titoli Mondiali.

Qualche nome per rinfrescare la memoria?
BiaggiCapirossi e Rossi.

E poi ancora  Casey Stoner, Marco Melandri, Jorge Lorenzo, Marco Simoncelli, Manuel Poggiali, Roberto Locatelli, Tetsuya Harada,  Alessandro Gramigni, Kazuto Sakata.

Fonte: visordown.com

  • shares
  • Mail