Dal 15 agosto niente esame per ottenere la patente A, ma c’è un tranello…

Niente esame pratico per ottenere la patente A (la vecchia A3) da metà agosto, ma la normativa nasconde un tranello.

Da metà agosto non sarà più necessario sostenere l’esame per ottenere la patente A (la vecchia A3). Una notizia fantastica per i motociclisti, ma che nasconde un tranello.

Sono tantissime le testate che stanno pubblicando la news come una vera e propria conquista per gli appassionati di due ruote, ma la realtà è un’altra. L’intento di “snellire la burocrazia” e, quindi, alleggerire il lavoro della Motorizzazione Civile, si traduce in un costo maggiore per chi vuole ottenere la patente.

Sì, perché potrebbe saltare il sistema automatico che prevede il passaggio dalla patente A2 alla A dopo due anni di esperienza o una volta raggiunti i 24 anni di età. Chi è già in possesso della A1 o A2, dovrà, dunque, seguire un corso di 7 ore (naturalmente, a pagamento) presso l’autoscuola.

In sostanza, viene alleggerito il lavoro per gli uffici pubblici (che spesso si ritrovano sotto organico), in favore di pratiche da sbrigare presso le scuole guida. La normativa, contenuta all’interno del Decreto Infrastrutture-bis, entrerà in vigore entro il 15 agosto.

E alla fine, chi ci rimette, sono sempre gli utenti che, per “aggiornare” una patente di guida, dovranno continuare a sborsare dei soldi.

Ultime notizie su Leggi e burocrazia

Leggi e burocrazia

Tutto su Leggi e burocrazia →