Honda CBR900RR "Rocketeer" by Rocket Sprocket

Assemblando pezzi dall'origine più disparata, il customizer svizzero ha dato alla luce un'avvenente e pluri-premiata "special" sovralimentata

La storia di Rocket Sprocket Customs è iniziata nel 2014, quando alcuni amici svizzeri capitanati dall'appassionatissimo Andreas Neuhold accettarono la sfida di costruire una show-bike per il famoso Custombike Show di Bad Salzuflen, in Germania.

Dopo quell'esperienza, il gruppo ha aperto una piccola officina nel Canton Zurigo da cui ha iniziato a sfornare le sue "creazioni", di cui quella di maggior successo è indubbiamente questa "Rocketeer", pluri-premiata nei concorsi specializzati e nata attorno a un telaio RAU acquistato d'occasione su eBay da Herr Neuhold nel lontano 2010.

Dopo anni passati a prendere polvere, questo telaio è stato poi riesumato dal suo compratore per dare vita ad una sua particolare visione, quella di una streetfighter atletica e minacciosa con un aspetto da moderna rat-bike, abbastanza folle da poter trovare posto nel mondo di "Mad Max".

Il progetto è iniziato con la realizzazione del telaietto posteriore, che Neuhold voleva estremamente minimale ottenendo il risultato desiderato solo al quarto tentativo. Anche il serbatoio e relativi loghi in alluminio sono stati realizzati internamente, così come i minuscoli gruppi ottici, il sellino, lo scenografico sistema di scarico e pure l'azzeccata verniciatura in "Dark Blood Candy Red".

Per il motore si è scelto il 4-in-linea di una vecchia Honda CBR900RR degli anni '90, arricchito con accensione Ignitech, cablaggio fatto in casa, e di un poi reso più pazzo con l'aggiunta di un compressore Rotrex C15 recuperato a sua volta su eBay, opportunamente revisionato e verniciato. Il risultato è una potenza dichiarata di 185 CV per una moto che pesa 175 kg.

Per quanto riguarda gli altri elementi della ciclistica, la forcella, riverniciata, proviene da una Suzuki GSX-R 750, forcellone monobraccio e relativo mono sono stati prelevati da un Ducati Monster S4R, i cerchi arrivano da un'altra Ducati non meglio specificata ed il freno anteriore è griffato Brembo. La striminzita strumentazione Mini di Motogadget è invece incastonata direttamente nella piastra di sterzo superiore.

Questa "Rocketeer" è una special che per indole è più "da esposizione" che da utilizzo vero e proprio: saremmo molto curiosi di sentire con le nostre orecchie il sound che il suo propulsore sovralimentato sarebbe in grado da emettere dalle tre bocche di quello scarico, meno di scoprire quanto suddetta unità sarebbe in grado di "scaldare" una volta saliti sulla sua minuscola sella....

Se volete scoprire altre moto realizzate da Rocket Sprocket Custom, visitate subito il loro sito web ufficiale o la loro pagina Facebook!

  • shares
  • Mail