Quartararo a Valencia per "finire bene l'anno"

Il fenomeno transaplino punta al titolo di miglior pilota "indipendente" della MotoGP 2019: "Dobbiamo gestire il vantaggio in modo efficace..."

Anche se è stato ancora una volta lo spagnolo Marc Marquez (Honda Repsol) a incamerare il titolo iridato della MotoGP, il 2019 sarà probabilmente ricordato come l'anno della definitiva consacrazione di Fabio Quartararo (Petronas SRT Yamaha), 20enne di Nizza che alla sua prima annata in Premier Class ha sbalordito tutto il paddock a suon di prestazioni favolose, in prova come in gara.

Nessuno si sarebbe aspettato un impatto così devastante sulla categoria da parte di quello che sarebbe poi diventato - con largo anticipo - il Rookie Of The Year 2019, ma per porre la proverbiale "ciliegina sulla torta" a una stagione per lui certamente memorabile, al talento transalpino manca ancora la prima vittoria in MotoGP, risultato che è sembrato più volte alla sua portata in stagione ma che ora ha una sola possibilità di conquistare, questo weekend a Valencia, sede dell'ultimo GP stagionale (clicca qui per orari e copertura TV).

L'asso della Yamaha non si è lasciato andare a particolari proclami in vista della nuova trasferta in Spagna, concentrando la sua attenzione su un altro obiettivo che appare ben più facile da raggiungere per lui, quello del titolo di miglior pilota "indipendente" della stagione in corso:

"L'obiettivo è terminare bene l'anno con una bella gara nel round finale di Valencia. Siamo molto vicini al raggiungimento della vittoria anche nella graduatoria riservata ai piloti "indipendenti", con il distacco da Jack [Miller, di Ducati Pramac] che ora ammonta a oltre venti punti, quindi un altro obiettivo per il weekend sarà quello di gestire questo vantaggio in modo efficace."

"Ho vinto quattro volte sul circuito Ricardo Tormo ai tempi in cui correvo nel campionato nazionale spagnolo e questo è anche il primo posto in cui sono mai stato in sella a un prototipo della MotoGP... quindi ci sono anche molti bei ricordi che mi legano a questa pista".

Se la tanto sospirata vittoria non dovesse arrivare, la stagione di Quartararo resterebbe comunque da incorniciare grazie ai 6 podi stagionali e alle ben 5 pole position fin qui messe in bacheca. Le cose sono certamente cambiate per lui da quando, circa 12 mesi fa, scese per la prima volta in pista con la YZR-M1 dell'allora neonato team Petronas SRT Yamaha proprio a Valencia:

"Il set-up di base della nostra moto adesso è completamente diverso da quello che avevo usato quando ho guidato Valencia l'ultima volta, circa un anno fa, quando feci il mio primo test in assoluto con la Yamaha M1. Ma adesso ho molta più esperienza come pilota, e lo stesso vale per il mio team ha, quindi ci aspettiamo di essere molto più veloci questa volta.

"Sarà comunque utile fare un confronto con i dati di un anno fa, per vedere dove siamo arrivati e anche per capire in cosa abbiamo ancora bisogno di migliorare."

  • shares
  • Mail