Patente di guida: stop alle esenzioni Iva. In arrivo aumenti del 22%

Da oggi le lezioni finalizzate al conseguimento della patente di guida non saranno più esenti dalle imposte: lo stabilisce l'Agenzia delle Entrate. Le scuole guida saranno soggette alle tassazioni e, dunque, potrebbero far pagare il sovrapprezzo ai clienti.

patente-guida

Il prezzo della patente vi sembrava un po' troppo economico? (si scherza per sdrammatizzare, ovviamente). Non preoccupatevi, è già previsto un aumento del 22% a causa dell'Iva.

Da oggi le lezioni finalizzate al conseguimento della patente di guida non saranno più esenti dalle imposte: lo stabilisce l'Agenzia delle Entrate. Le scuole guida, per via di una sentenza della Corte di Giustizia UE (del 14 marzo 2019 nella causa C-449/17), saranno soggette alle tassazioni e, dunque, potrebbero far pagare il sovrapprezzo ai clienti.

Secondo la Corte di Giustizia UE dovrebbero essere esenti da Iva le operazioni relative all'educazione infantile e giovanile, l'insegnamento scolastico e universitario, la formazione e la riqualificazione professionale. L'insegnamento presso le scuole guida, seppur comprendendo lezioni teorico-pratiche, non presuppone trasmissione di conoscenze e competenze riferite a diverse materie, ne allo sviluppo o all'approfondimento delle stesse, quindi, un'educazione ben distante dall'insegnamento tradizionale.

Inoltre, l'aumento sarebbe retroattivo fino al 2015: le autoscuole, quindi, potranno contattare i vecchi allievi per far pagare il sovrapprezzo. Dall'Agenzia delle Entrate fanno sapere che non sono previsti ne interessi ne sanzioni.

Fonte: Fiscoetasse.com

  • shares
  • Mail