Torino - Capo Nord con la Vespa Farobasso del 1955 di "Vacanze Romane"

Il 28 luglio due giovani appassionati partiranno all'insegna dell'avventura per percorrere in media 500 km al giorno

Il prossimo 28 luglio Frederik Rosso (consigliere nazionale del Vespa Club d’Italia e del Vespa Club Torino) e Gabriele Cagni (presidente del Vespa Club di Montecchio Emilia) inizieranno il loro viaggio in direzione Capo Nord con partenza da Torino. Il 31enne e il 34enne affronteranno in sella alla Vespa Farobasso 125 cc del 1955 – la moto utilizzata nel celebre film "Vacanze romane" – 500 km al giorno per un totale di 10.000 km.

Parliamo, dunque, di un viaggio on the road all'insegna della passione e di un pizzico di sana “follia”, caratterizzato dalla ferrea organizzazione delle tappe, come conferma il vespista torinese che ha scelto di lanciarsi in questa sfida anche per celebrare simbolicamente i 70 anni del Vespa Club d’Italia: “Nelle nostre gare di regolarità si percorrono anche 1.000 km in 2 giorni e noi questa volta dovremmo stare in sella una ventina di giorni per circa 10 ore al giorno. Non abbiamo previsto sponsor e sostegno logistico, ma partiremo con tanta voglia di avventura e, personalmente, cercherò di portare a termine un viaggio che sogno da molto tempo.”

“Saremo autosufficienti con portapacchi davanti e dietro, casco integrale, vestiario tecnico, una tenda, attrezzi e tre gomme di scorta. Il motore è stato realizzato dalla CCcorse di cui Gabriele è detentore del brevetto dei nuovi gruppi termici ad alte prestazioni realizzati per questa tipologia di vespa e si è calcolato che ogni Vespa consumerà circa 6-7 litri di olio e oltre 330 litri di benzina, senza contare quello che dovremmo consumare noi durante il viaggio. Dopo la partenza da Torino, per prima cosa ci ritroveremo a Como con Gabriele e faremo il passo del San Bernardino. Poi ci fermeremo un giorno ad Amburgo in Germania e in Danimarca, per poi arrivare da programma in Svezia percorrendo il ponte di Malmo alla volta di Capo Nord. Al ritorno, se tutto andrà bene, invece di attraversare la Svezia sogniamo di fare i fiordi norvegesi, non vedo l’ora di partire.”

Prima di loro solo altri due italiani si sono lanciati nella sfida verso l’estremo Nord Europa. I due vespisti/avventurieri, intendono realizzare un diario online e un taccuino motoristico e fotografico per raccontare l’esperienza ad amici e conoscenti che potranno seguirli online, ma anche per restare in contatto e incontrare altri vespisti europei.

  • shares
  • Mail