Bautista a Donington "per imparare dagli errori"

Lo spagnolo della Ducati, leader del Mondiale SBK, ha ora solo 16 punti di vantaggio su Jonathan Rea: "Sono stato troppo sicuro di me stesso..."

Nonostante il suo sfolgorante inizio di stagione, fatto di 11 vittorie consecutive nel suo anno da rookie in Superbike, Alvaro Bautista (Aruba.it Racing Ducati) arriva al round di Donington Park di questo weekend con soli 16 punti di vantaggio in classifica sul campione uscente Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team), determinato a dargli di nuovo del "filo da torcere" nel suo round "di casa".

Sono bastati due errori da parte dello spagnolo della Ducati, a Jerez e a Misano, per permettere al tenace nord-irlandese di ridimensionare ridimensionare un gap in classifica che fino a poche settimane fa sembrava incolmabile. Tutto ciò, ovviamente, ha ridato così nuova linfa al Mondiale SBK 2019, che sembrava inizialmente destinato "a finire presto" sotto i colpi della schiacciante supremazia dello spagnolo e della sua Panigale V4 R.

Visto il margine ormai ridotto nella graduatoria iridata, il 34enne di Toledo non potrà però concedersi altri "passi falsi" in quella che per lui sarà la prima gara con una Superbike sul variegato tracciato inglese, da lui visitato in poche occasioni durante la sua carriera nel Motomondiale.

Donington Park è considerata "la culla" del Mondiale Superbike, ovvero la pista dove il massimo campionato per "derivate dalla serie" ebbe inizio ben 32 anni fa. Nelle 52 gare fino ad oggi disputate su questo circuito, Ducati ha conquistato 17 vittorie, ma l'ultima risale però al lontano 2011, con lo spagnolo Carlos Checa. L'obiettivo di Bautista per il weekend sarà quello di aggiornare questa statistica, sulle orme dell'illustre connazionale.

Prima di sbarcare in terra d'Albione, Bautista non si è però risparmiato una certa autocritica per aver dissipato un vantaggio decisamente cospicuo, che potrebbe presto rimpiangere:

"Devo assolutamente imparare dagli errori commessi negli ultimi due round, penso di essere stato un po' troppo sicuro di me stesso; Inoltre dobbiamo concentrarci e lavorare sodo per il prossimo round. Donington Park è una pista che conosco abbastanza bene, ma ci ho corso solo con moto di categorie inferiori e mai in MotoGP."

"I prossimi due round di Donington, e subito dopo quello di Laguna Seca, potrebbero essere un po' diversi e interessanti per noi, perché si svolgono su due tracciati dove non abbiamo riferimenti con la Panigale V4 R. In ogni caso la nostra performance è ottima, quindi l’obbiettivo è cercare di mantenere lo stesso livello raggiunto fino ad oggi."

  • shares
  • Mail