Australia, Iannone: "Pensavo di poter fare la pole"

Il pilota di Vasto centra il 4° posto nelle qualifiche della MotoGP a Phillip Island e rilancia per la gara: "Ci sarà grande battaglia là davanti..."

Dopo aver conquistato il miglior tempo nel venerdì di libere della MotoGP a Phillip Island, Andrea Iannone (Suzuki Ecstar) non è riuscito ad esprimere il suo pieno potenziale nelle qualifiche del GP di Australia di questa mattina, terminate con un quarto posto nelle Q2 che gli vale la partenza dalla seconda fila per il GP di Australia di domani (clicca qui per orari e copertura TV).

Già le FP3 del mattino si erano svolte in condizioni difficili a causa di una leggera pioggia, ma nelle più stabili FP4 l'abruzzese aveva ribadito il suoo grande stato di forma andando a conquistare, ancora una volta il miglior tempo della sessione. Nella Q2, però, la pioggia è tornata a infastidire i piloti della MotoGP e Iannone, impossibilitato sfruttare al 100% il suo ottimo feeling con la moto, ha chiuso con un miglior crono personale di 1:29.712, a poco più di mezzo secondo dalla pole firmata da Marc Marquez (Honda Repsol).

Commentando "a caldo" gli esiti delle qualifiche, l'alfiere italiano della Suzuki ha confermato le sue difficoltà nell'affrontare il tracciato di Phillip Island con la giusta cattiveria:

"Le condizioni durante le qualifiche di oggi sono state davvero pessime, non era del tutto bagnato e non era del tutto asciutto, e alcuni punti di frenata erano scivolosi e, quindi, molto difficili."

"Era rischioso spingere con troppa foga, ma sono comunque riuscito a completare un paio di giri veloci."

Anche se con un po' di "amaro in bocca", Iannone punta sul ritrovato affiatamento con la sua Suzuki GSX-RR per andare a caccia del podio nella gara di domani:

"Sono un po 'deluso perché pensavo di poter provare a fare la pole, soprattutto perché il mio feeling con la moto è molto buono ed ero stato il più veloce in alcune sessioni. Tuttavia nessuno può controllare il meteo, quindi dobbiamo semplicemente accettare il risultato."

"Tutti sembrano essere veloci e i tempi sono piuttosto vicini: ci sarà grande battaglia là davanti ed io spero di essere uno dei principali contendenti".

  • shares
  • Mail