Il Museo Piaggio si rinnova e va oltre la Vespa

A 18 dall'apertura il Piaggio Museum si rinnova completamente: superficie quasi raddoppiata e 6 nuove collezioni.

Aprirà i battenti domani, sabato 21 aprile, la mostra "FuturPiaggio - 6 lezioni italiane sulla mobilità e sulla vita moderna" nei nuovi e rinnovati spazi del Museo Piaggio di Pontedera che, oltre alla mostra, offrirà altre 5 nuove collezioni permanenti oltre a quella già esistente sulla Vespa.

Dopo 18 anni di attività e 600 mila visitatori, quindi, il Piaggio Museum cambia profondamente: da 3.000 a 5.000 metri quadrati di superficie espositiva, per ospitare gli oltre 250 pezzi esposti. "Piaggio ha basato la sua storia e il suo successo sull'innovazione, sulla capacità di immaginare un futuro invisibile agli altri, di interpretare i bisogni delle genti in ogni parte del mondo, sia sui mercati occidentali, sia nei Paesi emergenti", spiega l'AD Piaggio Roberto Colaninno.


Di fatto il nuovo Museo Piaggio è ora la più grande struttura museale italiana dedicata al motociclismo e alla storia della mobilità, grazie all'apertura di spazi completamente nuovi nati dal recupero e dal restauro di antichi siti industriali.

Le nuove collezioni sono dedicate ai marchi Piaggio e Ape e alla storia sportiva di Aprilia, Gilera e Moto Guzzi. Attraverso un percorso espositivo ispirato al futurismo e alla celebrazione del motorismo, la mostra immerge il visitatore nello spirito dell'opera di Jeffrey Schnapp (Professore di Letterature romanze e Letteratura comparata al dipartimento di Architettura e Design di Harvard).

Il nuovo Museo Piaggio celebra così i 130 anni di storia del Gruppo e la mostra sarà aperta fino al 10 giugno. I visitatori potranno così vedere fino a fine primavera, grazie a pezzi storici dei marchi del Gruppo, il concetto di mobilità sviluppato da Piaggio nel corso della sua lunga storia.

  • shares
  • Mail