Troppe moto circolano senza assicurazione

Fra le cattive abitudini degli utenti della rete viaria, una delle peggiori è la circolazione con mezzi non assicurati. Il fenomeno è diffuso anche a Milano.

posto-di-blocco.jpg

Un incidente in viale Toscana a Milano riporta sotto i riflettori un tema di grande attualità: la circolazione di molti veicoli senza copertura assicurativa. Partiamo dal fatto: il conducente di uno scooter ha investito una ragazza che attraversava la strada. Le sue condizioni sono molto gravi, ma dovrebbe cavarsela. Il mezzo a due ruote non era in regola con la polizza, del tutto assente.

Quello descritto non è un caso isolato, essendo l’espressione di un malcostume (purtroppo) assai diffuso, anche nel capoluogo lombardo, dove ogni giorno gli agenti della polizia urbana fermano 8-10 mezzi senza copertura. In totale, nel 2016, sono stati 121 gli incidenti provocati da auto e moto prive di assicurazione. Il dato è preoccupante, anche perché offre solo una parziale lettura di un fenomeno le cui proporzioni sono allarmanti, quasi da emergenza sociale in Italia.

Nel nostro paese, secondo l’Ania (associazione nazionale imprese assicurative) circolano circa 3,4 milioni di veicoli non assicurati. Il potenziamento dei controlli sulle targhe, effettuati con software che incrociano le banche dati, insieme a una diffusione più capillare delle telecamere per lo screening, dovrebbero ridurre il fenomeno, ma la speranza è che a fare il grosso provveda il senso di responsabilità della gente, da cui si auspica una presa di coscienza del problema, a 360 gradi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail