Honda CB1100 RS 2017

Al Salone Intermot di Colonia, non solo CBR per la casa dell'Ala ma anche questa apprezzata versione RS della CB1100, con uno stile ed un'impronta più dinamica

Stile minimalista, cura che sembra esser figlia di un artigiano, design che ripercorre la strada delle cafè racer. Rispetto alla sorella, ha una geometria più carica sull'anteriore, ma la natura è la stessa e si basa su quel 4 cilindri in linea da 1140 cc raffreddato ad aria e olio, che aveva colpito appassionati e non. Un motore oltretutto anche aggiornato in occasione di questo Intermot di Colonia.

Ma le novità non finiscono qua. Andiamo però con ordine. Già, perchè questo modello deve la sua storia, la sua realtà a quella sigla - CB - che iniziò addirittura nel 1959, ed ha sempre avuto un significato particolare per i suoi clienti. E basti pensare che dieci anni dopo la CB750 divenne la prima "superbike" della storia. Storia recente narra di come Honda volle riproporre in Europa la CB1100 per far continuare a sognare i suoi vecchi appassionati. Il punto fu però che la moto appassionò non solo i "vecchi" ma anche i "nuovi" per le sue doti dinamiche, la sua guida ma anche per il suo stile. Ecco allora l'introduzione della CB1100EX nel 2014, riproposta anche per il 2017, ma sopratutto, ecco la nuova versione qui presente, la CB1100RS.

“Come nel caso delle precedenti CB, comprendiamo perfettamente il piacere senza tempo che i nostri clienti traggono dal fatto di possedere e guidare una motocicletta con motore a quattro cilindri in linea raffreddato ad aria.”

La vedi e ovviamente non puoi fare a meno di pensare alle moto da corso dei gloriosi seventies: serbatoio che sembra artigianale, faro anteriore tondo e doppi quadranti della strumentazione che ricordano i modelli Honda del passato. Geometrie, come detto, più caricate all'anteriore rispetto alla CB1100EX, con un set-up della frocella più rigido, cerchi da 17" in lega leggera e pneumatici ribassati. Potenziati anche i freni con pinze ad attacco radiale. La conseguenza è quella di una posizione di guida più aggressiva, caricata e compatta.

Novità rispetto al passato, ora il motore "respira" meglio grazie ai condotti di aspirazione ridisegnati e ai doppi terminali di scarico corti e leggeri. La frizione assistita con antisaltellamento facilita l'innesto e riduce lo sforzo sulla leva del cambio.

17YM CB1100 RS

Analizzandola più nello specifico, il telaio è il classico tubolare a doppia culla in acciaio che sostiene il 4 cilindri con supporti rigidii e due supporti in gomma. Rispetto alla EX la geometria è più improntata sull'agilità, ed allora a Tokio hanno lavorato sull'inclinazione del cannotto di 26° e con un avancorsa che arriva a 99 mm, per un interasse quindi di 1485 mm. Un valore significativo da sottolineare. L'altezza da sella è pari a 795 mm ed il manubrio a piega bassa ricerca uno stile più dinamico. Peso? 252 kg, ma con un baricentro ed una ripartizione dei pesi del genere, non risulta essere un limite.

Forcella Showa Dual Bending Valve con steli da 43 mm con valvole interne che generano una forza di smorzamento sia in compressione che estensione, cercando di offrire la massima linearità possibile nel comportamento. Piastra superiore di sterzo in alluminio. Scorgendo la zona posteriore ecco i doppi ammortizzatori Showa con serbatoio esterno, con precarico molla regolabile e fissati al nuovo forcellone in alluminio.

A frenare la CB1100RS ecco le pinze radiali Tokico a 4 pistoncini su dischi flottanti da 310 mm all'anteriore, mentre al posteriore ecco il disco da 256 mm. Cerchi in lega a 10 razze da 17”, con design inedito e valvola ad “L”, montano pneumatici sportivi ribassati con 120/70 ZR17 e 180/55 ZR17. Non una scelta solo estetica ovviamente, ma improntata sulla dinamica di guida.

17YM CB1100 RS

I colori previsti per il mercato italiano nel 2017 sono due: Candy Prominence Red e Graphite Black, tutti con una finitura extra‑liscia che evoca una minuziosa sabbiatura a umido.

E veniamo al motore, come detto sempre 4 cilindri in linea da 1.140 con alesaggio e corsa pari a 73,5 x 67,2 mm con distribuzione bialbero. Potenza massima? 90 cavalli a 7500 giri/min, mentre la coppia si attesta a 91 Nm a 5.500 giri/min.

L’architettura della distribuzione segue il classico schema con la catena centrale che comanda gli alberi a camme. L’angolo incluso tra le valvole di aspirazione e scarico è pari a 26,5°. Le valvole di aspirazione misurano 27 mm mentre quelle di scarico 24 mm. Vibrazioni? Niente da fare: ecco un contralbero di bilanciamento secondario.

Come detto precedentemente, La CB1100RS è equipaggiata con frizione assistita con antisaltellamento e rampe in alluminio, che riduce lo sforzo alla leva e mantiene la ruota motrice a terra nelle scalate più grintose. Il cambio ha 6 rapporti spaziati dalla 1^ alla 5^ in maniera dinamica e ravvicinata, mentre la sesta è tipicamente - come in passato - marcia da overdrive per gestire al meglio i consumi quando si vuol passeggiare. Passo? 530. Inutile dire infine come la nuova CB1100RS è omologata Euro4.

17YM CB1100 RS

Honda CB1100RS: scheda tecnica


MOTORE
Quattro cilindri in linea, bialbero (DOHC), raffreddato ad aria e olio
Cilindrata: 1.140 cc
Alesaggio x corsa: 73,5 x 67,2 mm
Rapporto di compressione: 9,5:1
Potenza massima: 66 kW (90 CV) / 7.500 giri/min
Coppia massima: 91 Nm / 5.500 giri/min
Capacità totale olio: 4,9 litri

ALIMENTAZIONE
Carburazione: Iniezione elettronica Honda PGM‑FI
Capacità serbatoio: 16,8 litri (inclusa riserva)

IMPIANTO ELETTRICO
Avviamento: Elettrico
Capacità batteria: 12V-11.2Ah
Potenza alternatore: 12V 21.7° / 5.000 giri/min 0.336kW

TRASMISSIONE
Frizione: Multidisco in bagno d’olio, comando idraulico, assistita con antisaltellamento
Cambio: A 6 marce
Trasmissione Finale: A catena, passo 530

TELAIO
Tipo: In acciaio a doppia culla

CICLISTICA
Dimensioni (L´L´A): 2.180 x 800 x 1.100 mm
Interasse: 1.485 mm
Inclinazione cannotto di sterzo: 26°
Avancorsa: 99 mm
Altezza sella: 795 mm
Altezza da terra: 130 mm
Peso in o.d.m. e con pieno di benzina: 252 kg
Raggio di sterzata: 2,7 m

SOSPENSIONI
Tipo
Ant: forcella telescopica Showa Dual Bending Valve (SDBV) con steli da 43 mm, regolabile nel precarico molle.
Post: due ammortizzatori Showa con serbatoio esterno, regolabili nel precarico molle

RUOTE
Tipo
In lega leggera a 10 razze
Cerchi
Ant: 17 x 3.50MT
Post: 17x 5.50MT

Pneumatici
Ant:120/70 ZR17 M/C
Post: 180/55 ZR17 M/C

FRENI
Tipo: Con ABS a due canali
Ant: doppio disco flottante da 310 mm, pinze radiali Tokico a 4 pistoncini;
Post: disco singolo da 256 mm, pinza Nissin a 1 pistoncino

STRUMENTAZIONE E LUCI
Strumentazione
Contakm con 2 parziali, trip computer, orologio e indicatore marcia inserita su schermo LCD a retroilluminazione negativa, tachimetro e contagiri analogici
Sistema di sicurezza
HISS
Faro anteriore
A LED
Faro posteriore
A LED

  • shares
  • Mail