Kawasaki, nuova moto con alette aerodinamiche: Z1000SX o R2?

Un brevetto di Kawasaki mostra i disegni di una nuova moto, dotata di appendici aerodinamiche. Potrebbe essere il restyling della sport-tourer Z1000SX o la vociferata R2. I dettagli.

new-z1000sx.jpg

Sport-touring, un segmento che fonda le sue radici indietro nel tempo e che, recentemente, si è guadagnato una fetta di mercato sempre crescente, proponendosi come alternativa meno estrema alle Superbike replica, con moto che spesso ne condividono la base motoristica.

A questa regola non scritta fa eccezione Kawasaki, che per la sua Z1000/Z1000SX non utilizza l'unità che equipaggia la ZX-10R, ma un propulsore da 1043 cc realizzato ad hoc che, a breve, dovrà necessariamente rispondere alle normative Euro 4. Questa però potrebbe non essere l'unica novità per la turistica-sportiva in verde.

new-z1000sx-2.jpg

Un brevetto recentemente depositato dalla casa di Akashi, mostra una moto carenata, in apparenza dotata di fari a LED, caratterizzata da forme spigolose come quelle adottate per la H2/H2R ed una aerodinamica contraddistinta dalle alette laterali simili che ricordano quelle della MotoGP, oltre che della H2R stessa.

Partendo dal presupposto che la ZX-10R è stata rinnovata l'anno scorso, la beneficiaria di questo brevetto è lecito attendersi possa essere proprio la Z1000SX, il cui motore potrebbe ricevere qualche cavallo in più, per adeguarsi ad alcuni modelli concorrenti, pur senza nessuno stravolgimento rispetto ai 142 del modello attuale.

new-z1000sx-3.jpg

L'alternativa, anche se più improbabile, riguarda il fatto che la moto oggetto del brevetto possa essere la R2, la 4 cilindri media dotata di compressore centrifugo a cui Kawasaki starebbe lavorando da tempo e che farebbe parte della famiglia supercharged a cui appartengono le già citate H2 ed H2R.

In questo secondo caso si spiegherebbe anche la parentela stretta nel design con queste ultime eche, per quanto visto fino ad oggi, si stacca nettamente dal resto della produzione Kawasaki. Non resta che attendere Intermot ed EICMA.

Fonte immagini: Motorcyclenews

  • shares
  • Mail